QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Val Camonica e Valtellina unite dal metro

sabato, 18 maggio 2013

Aprica – Un progetto avveniristico e di grande impatto sul turismo. Il metro delle valli, come è stato chiamato da alcuni sindaci camuni e valtellinesi sta facendo  i primi passi. Il progetto di una via ferroviaria che unisca Villa di Tirano, Aprica ed Edolo si delinea rispettoso dell’ambiente e della natura. Dell’argomento si è discusso in Comunità Montana e nei Comuni.Bernina-Express Adesso si tratta di passare dalle idee, veramente innovative, ad un progetto concreto.

Una specie di linea del Bernina, quel trenino rosso, che è una delle attrattive turistiche tra la Valtellina e il Canton Grigioni. Così potrebbe diventare il trenino tra Valtellina e Valle Camonica, in quell’area integrata turistica tra Guspessa, Mortirolo, Pian di Gembro e Trivigno. I sindaci stanno discutendo di questa nuova opera, nel progetto sono coinvolte undici amministrazioni locali. Il sindaco di Aprica, Carla Cioccarelli, ha già dato il parere favorevole sull’idea che dovrà essere concretizzata  con il supporto di tutte le altre amministrazioni. Un punto fermo indicato dal primo cittadino di Aprica è la difesa del territorio. In quest’ottica si inserisce anche il parere dei sindaci di Edolo e Corteno Golgi, che però hanno posto la questione finanziaria.

“L’idea  è bella – dicono – però occorrono le realizzare per realizzare un progetto che unirebbe due valli e altrettante linee ferroviarie”. Infatti a Edolo ci sarebbe l’aggancio alla linea per il Sebino e Brescia, a Villa di Tirano con quella per Sondrio, Lecco e Milano.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136