QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Studio sulla Valle Camonica assegnato all’università di Pisa e Camerino. Ateneo di Edolo dimenticato

venerdì, 18 ottobre 2013

Breno – Un bando della Comunità Montana di Valle Camonica ha assegnato un finanziamento di 48mila e 800 euro, firmato nei giorni scorsi dal direttore generale Marino Bernardi, a una ATS (Associazione Temporanea di Scopo) tra l’Università Normale di Pisa e quella di Camerino per uno studio sullo sviluppo sostenibile della Valle Camonica.

LA DIMENTICANZA
Nulla di strano se non fosse che sul territorio è presente l’Università di Milano – Polo di Edolo (l’Università della Montagna in valle da oltre dieci anni ed il cui valore è riconosciuto a livello internazionale) che ha partecipato al bando. Il polo universitario camuno ha proposto un ribasso del 20.66% sul budget messo a disposizione (contro il 3.20% di Camerino e Pisa ) e l’impegno scritto di assumere professionalità dedicate al progetto residenti in Valle Camonica, che tradotto significa posti di lavoro durante la realizzazione del progetto.

LA SCELTA 

E’ ricaduta sulla ATS tra la Normale di pisa e l’Università di Camerino esattamente come accadde due anni fa in una situazione analoga che vide prevalere NOMISMA (la società bolognese di Romano PRODI). L”Università di Edolo e altre realtà locali sono state dimenticate, comunque si aspetta il progetto per capire se da Pisa e Camerino sapranno studiare un territorio vasto e complesso come quello camuno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136