QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Troppa neve, mobilitazione in Valle Camonica per aiutare gli animali selvatici

giovedì, 20 febbraio 2014

Passo Tonale – L’ondata prolungata di maltempo con tanta neve sta creando non pochi problemi nelle zone montane, e per cervi e caprioli. In questi giorni sia in Valle Camonica sia in Val di Sole nelle aree più colpite dal freddo gruppi di volontari si sono impegnati per liberare e in alcuni casi per portare cibo e foraggiamento agli animali selvatici in modo da aiutarli a sopravvivere nella situazione attuale di neve anche a bassa quota del tutto straordinaria.

Caprioli e cervi

Il fine dell’intervento dei volontari è quello di aiutare gli animali selvatici a sopravvivere anche con le condizioni meteorologiche avverse che stanno colpendo in  quest’inverno l’arco alpino. Considerata la situazione di emergenza causata dalla eccessiva presenza di neve che rende difficoltosa la sopravvivenza della fauna, c’è grande mobilitazione e i maggiori interventi sono stati effettuati in Alta Valle Camonica, quindi la zona tra Vermiglio e Ossana, infine la Val di Pejo e quella di Rabbi, In quest’ultima area partecipano agli interventi anche i cacciatori.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136