QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tricolore sull’Adamello, Cai Lombardia contrario: “Non compatibile con principio di tutela ambientale”

venerdì, 8 settembre 2017

Breno – Tricolore gigante sulla parete Nord dell’Adamello: il Cai  Lombardia esprime contrarietà al progetto. L’iniziativa – si legge nel documento – non è compatibile con i principi del CAI in merito di tutela ambientale. Per commemorare la Grande Guerra sostegno a iniziative come recupero di siti, trincee, baraccamenti e la realizzazione di itinerari tematici. L’iniziativa di Impronta Camuna trova così un altro stop dopo il no del Parco dell’Adamello.

prima guerra mondiale 1

Ecco il testo del CAI Lombardia

“In merito ai commenti e posizioni espresse da più parti sul progetto della stesura di un Tricolore gigante lungo la parete nord dell’Adamello per ricordare la “Grande Guerra” e i suoi caduti, il Club Alpino Italiano – Regione Lombardia condivide e sostiene i pareri contrari già espressi dalle realtà bresciane del CAI, dalla Comunità Montana di Valcamonica e dal Parco dell’Adamello.

Pur rispettando e condividendo l’intento di onorare la memoria dei caduti di tutte le Nazioni che presero parte alla “Grande Guerra”, il CAI Lombardia ritiene che la stesura di un Tricolore lungo un chilometro e largo 9 metri non sia compatibile con i principi del sodalizio in materia di tutela ambientale.

Il Club Alpino Italiano – Regione Lombardia ribadisce inoltre il proprio sostegno alle iniziative di commemorazione avanzate dalle locali Sezioni del CAI e da altri enti e associazioni finalizzate ad una maggior tutela del territorio e del patrimonio culturale come il recupero di siti, trincee e baraccamenti nonché la realizzazione di itinerari tematici al fine di favorire una maggior conoscenza dei tragici eventi che hanno caratterizzato le zone dell’Adamello nella Prima Guerra Mondiale, in particolare nei confronti delle nuove generazioni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136