QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tre romeni rubano in negozio di ferramenta a Sonico: arrestati dai carabinieri sulla Statale 42

martedì, 31 gennaio 2017

Berzo Demo – I Carabinieri della Stazione di Cevo (Brescia) in collaborazione con i colleghi della Stazione di Edolo (Brescia), nel corso di un servizio coordinato finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, hanno tratto in arresto T.D. 45enne, I.V.N. 41enne e M.D.M. 31enne, cittadini romeni, domiciliati nelle province di Brescia e Milano, per furto aggravato in concorso.

I predetti, poco prima, avevano asportato da un negozio di ferramenta di Sonico (Brescia) due motoseghe marca Husqvarna del valore di mille euro dandosi repentinamente alla fuga a bordo di un’autovettura Opel Astra. A seguito delle indicazioni fornite dal titolare dell’esercizio commerciale, i Carabinieri hanno effettuato immediatamente dei posti di controllo sulla Statale 42 del Tonale e della Mendola riuscendo ad intercettare il veicolo e bloccare i tre soggetti (due uomini ed una donna). La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al legittimo proprietario.

Gli arresti sono stati convalidati dalla competente Autorità Giudiziaria che, a seguito del processo per direttissima, ha condannato i tre alla pena di sei mesi di reclusione.

Chiari: attività di contrasto ai furti

Continua incessante l’azione di prevenzione e contrasto ai reati di natura predatoria posta in essere dai militari della Compagnia Carabinieri di Chiari. Dopo l’alta visibilità assicurata sabato sera con un servizio coordinato che ha visto l’impiego di 6 pattuglie a difesa delle dimore dei residenti a Chiari e Pontoglio, ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Erbusco hanno arrestato un albanese 22enne senza fissa dimora, poiché resosi responsabile dei reati di furto aggravato continuato e danneggiamento.carabinieri

L’uomo, tra le 9 e le 10, all’interno dei parcheggi del centro commerciale “Europa” di Palazzolo sull’Oglio, ha forzato la serratura della portiera di una Fiat Panda ed asportava dal suo interno un telecomando apri cancello e le chiavi dell’abitazione di un uomo residente in zona, oltre al suo indirizzo di casa, danneggiando poi un pneumatico della vettura prima di darsi alla fuga per guadagnare sulla vittima abbastanza vantaggio da entrare indisturbato nella sua abitazione.

Così il malvivente ha raggiunto l’abitazione dell’uomo dove entrava utilizzando le chiavi appena asportate dal veicolo ma veniva nel frangente sorpreso dalla vittima che stava rientrando costringendolo ad una precipitosa fuga a piedi. La pronta segnalazione della parte offesa ha permesso quindi alla centrale operativa di inviare subito sul posto una pattuglia che gravitava in zona i cui militari, dopo aver ricevuto la descrizione del fuggitivo, attivavano immediatamente le ricerche che portavano in poco tempo al rintraccio e all’arresto dell’albanese all’interno del cortile di un’altra abitazione, probabilmente prima che entrasse nuovamente in azione. L’arresto è stato convalidato in mattinata odierna dal Tribunale ordinario di Brescia che disponeva per il ladro

Ieri sera a Palazzolo sull’Oglio, su segnalazione di un cittadino che aveva visto una vettura sospetta, una pattuglia del Radiomobile della Compagnia di Chiari intercettava una Golf provento furto con 3 soggetti a bordo. Nel tentativo di fermarla ne scaturiva un breve inseguimento lungo viale Europa che si concludeva quando i malviventi arrestavano improvvisamente la marcia del veicolo per proseguire la fuga a piedi buttandosi in mezzo ai campi. I militari rinvenivano a bordo del veicolo rubato una serie di strumenti da scasso tra cui un flessibile, un piede di porco ed una grossa mazzetta, oltre a diversi oggetti ed indumenti sui quali poter effettuare i successivi rilievi utili a risalire all’identità dei fuggitivi. Le ricerche protrattesi a largo raggio per tutta la sera davano finora esito negativo. La vettura verrà restituita all’avente diritto.

Evaso dai domiciliari, viene trovato e arrestato dai Carabinieri dentro una banca

Si era chiuso all’interno dell’androne bancomat di una banca cittadina di via Gramsci l’evaso arrestato ieri dai Carabinieri. Ieri sera i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Brescia hanno tratto in arresto un uomo italiano quarantenne per evasione dagli arresti domiciliari. Il soggetto, infatti, si era allontanato arbitrariamente lo scorso 25 gennaio da una comunità di Milano ove stava scontando la pena.

L’arrestato è stato ritrovato dai militari all’interno dell’androne ove sono ubicati gli ATM della Banca Intesa San Paolo di via Gramsci ove lo stesso aveva trovato rifugio e pianificato di passare la notte.

Il soggetto è stato custodito in camera di sicurezza ed è stato giudicato stamane con rito direttissimo all’esito del quale, convalidato l’arresto, è stato condannato a mesi 8 di reclusione in carcere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136