QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Tre arresti, sequestro di armi, droga e beni per 900 mila euro: operazione del Gico della Finanza di Brescia

giovedì, 30 aprile 2015

Brescia- Blitz antidroga del Gico della Finanza di Brescia: tre arresti, sequestrato 1,4 chili di cocaina, armi, denaro e beni per circa 900 mila euro.

Gli uomini del Gico del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Brescia hanno eseguito un provvedimento di sequFinanza Sondrio sequestro beniestro di beni per un valore di 900.000 euro, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Brescia, su richiesta  della locale Procura della Repubblica.

L’attività scaturisce da un’operazione antidroga condotta lo scorso mese di gennaio dalle Fiamme Gialle bresciane, che aveva portato all’arresto di tre soggetti e al sequestro di 1,4 chilogrammi di cocaina.

L’INDAGINE 

Nel primo pomeriggio del 27 gennaio scorso, i militari, a seguito di quanto emerso dall’attività investigativa, iniziavano un servizio di pedinamento nei confronti di due pregiudicati italiani e della compagna di uno di questi. Gli strani movimenti compiuti da tre persone nei pressi dell’Auchan di Mazzano (Brescia) inducevano gli operanti a  intervenire, sottoponendo a controllo inizialmente R.M., trovato in possesso di un chilogrammo di cocaina. Pertanto, si estendevano le operazioni di perquisizione presso il presunto deposito della droga, individuato nei giorni precedenti in un garage nel comune di Travagliato (Brescia). All’interno dello stesso si rinveniva sostanza da taglio, materiale per il confezionamento, bilancini e ulteriori 400 grammi di cocaina.

Nel contempo, S.P. e la sua compagna A.B., di origini romene, che erano in attesa dell’uomo poco prima arrestato, venivano fermati con al seguito oltre 51.000 euro in contanti e una pistola di provenienza illecita con relativo munizionamento. L’arma, una “Walther P99”, nota per essere utilizzata da James Bond nella famosa serie cinematografica, veniva rinvenuta occultata nel vano batteria posteriore dell’autovettura della coppia.

Nei giorni successivi venivano eseguiti mirati accertamenti patrimoniali nei confronti dei tre arrestati. S.P., originario del quartiere di San Polo a Brescia con dimora sul lago di Garda, e la sua compagna A.B. risultavano percepire redditi irrisori a fronte di un cospicuo patrimonio riconducibile ai medesimi.

Tra i beni sottoposti a sequestro si annoverano il complesso aziendale di una concessionaria intestata a un prestanome, costituito da 22 vetture, 1 camper e 2 motoveicoli, quindi un bar, una ditta individuale operante sempre nel settore del commercio di autoveicoli, un appartamento ubicato a Genova, 4 auto di lusso, gioielli per un valore di perizia superiore a 10.000 euro, disponibilità finanziarie e contante pari a 98mila euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136