QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Trasformano bar di Darfo Boario in una centrale di spaccio: fermati due tunisini

giovedì, 31 ottobre 2013

Darfo Boario – Blitz dei militari nella bassa Vallecamonica: i carabinieri delle stazioni di Artogne coadiuvati da quelli di Darfo Boario Terme, Pisogne, Piancogno, Esine e Aliquota Radiomobile di Breno, a conclusione di prolungate indagini finalizzate a contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti, hanno arrestato due cittadini tunisini (F.Z di anni 50 e B.A. di anni 28), nullafacenti e pregiudicati, poiché ritenuti responsabili in concorso del reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”. I due, che, avevano trasformato un Bar di Darfo Boario Terme  nelle pertinenze del quale sono stati fermati, in centrale di spaccio,  sono stati trovati in possesso, nel corso delle perquisizioni personali e locale in un appartamento di Esine, di complessivi grammi quattrocentodieci di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”,  parte della quale già suddivisa in circa duecento dosi, grammi cinque circa di “marijuana”, grammi quindici circa di “hashish”, tre bilancini di precisione,  la somma contante di euro 500,00 (cinquecento) circa,  quattro telefoni cellularAllegato_2i  e materiale atto al confezionamento dello stupefacente.

Contestualmente i Carabinieri di Artogne hanno anche sottoposto a sequestro preventivo il bar. Sull’asse del servizio igienico del bar in uso agli avventori era stata individuata una striscia di “cocaina” pronta per essere “sniffata”. La titolare G. M. 45enne è stata deferita,  stato di libertà, per agevolazione allo spaccio di stupefacenti. Inoltre sono stati segnalati alla Prefettura di Brescia, quali assuntori di sostanze stupefacenti alcuni giovani trovati nel Bar in possesso di sostanza appena comprata da poco. Oggi si è tenuto il processo con rito direttissimo presso il Tribunale di Brescia per il 28enne, mentre l’altro è stato associato alla casa Circondariale di Canton Mombello di Brescia, a disposizione della Autorità Giudiziaria.

 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136