QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Vione ha dato l’ultimo saluto a Matteo e Andrea. Il parroco vicino alle due famiglie

domenica, 9 giugno 2013

Vione – L’intero paese si è stretto attorno alle bare dei due giovani, Matteo Balzanini, 17 anni, studente all’istituto commerciale Meneghini  di Edolo, e ad Andrea Rossi, 23 anni,idraulico, morti in un terribile incidente stradale domenica mattina a Incudine. Nella chiesa di Vione il rito funebre, celebrato dal parroco don Ermanno Magnolini e dai sacerdoti dell’Alta valle Camonica. Nell’omelia don Ermanno ha puntato sulla fragilità umana e – ha detto – “in questi momenti dobbiamo  chiederci cosa è successo e non sappiamo dare una risposta. Ecco la nostra fragilità”. n paese lutto cittadino nella giornata dell’ultimo  saluto a Matteo e Andrea.  Intanto ieri sera c’è stata una veglia nell’ex asilo dove è stata allestita la camera ardente, che ha visto la presenza di tanti giovani, amici delle vittime dello schianto in auto e della gente del paese. I due giovani, residenti Cané,  frazione di Vione, erano molto conosciuti in paese per la loro passione sportiva e per essere coinvolti nelle associazioni. Sabato avevano trascorso la serata alla festa degli Alpini, poi avevano deciso di concludere con altri amici. L’auto, una Audi  condotta da Andrea Rossi, è finita fuori strada, ha sfondato il guard-rail ed è precipitata per circa venti metri finendo nel greto del fiume Oglio. I genitori si erano allarmati per il mancato rientro e avevano chiesto informazioni agli organizzatori della festa alpina. Poco dopo le 10.30 un giovane pescatore ha notato l’auto vicino al greto del fiume e allertato le forze dell’ordine.

INCIDENTI STRADALI:MUORE INTERA FAMIGLIA DI 4 PERSONE

Sul posto i carabinieri di Vezza d’Oglio, Ponte di Legno e della compagnia di Breno, oltre ai medici del 118 che hanno constatato il decesso di Andrea Rossi e Matteo Balzanini. Sono in corso accertamenti per chiarire la dinamica del terribile incidente sulla statale 42 del Tonale. I militari hanno avvisato i familiari delle due vittime che sono stati raggiunti da parenti e amici. Ai familiari è giunto il cordoglio e la solidarietà del sindaco Mauro Testini e dell’intera amministrazione  e anche la solidarietà dei sindaci dell’intera Alta Valle Camonica. Il parroco ha annunciato la tragedia ai fedeli durante una della cerimonie della domenica. Nelle ultime ore non sono mancate le testimonianze da parte di alcuni amici, che in lacrime hanno raccontato l’ultima serata di Matteo e Andre. “Sono rimasti qui alla festa alpina – dicono – fino a mezzanotte poi ci siamo saluti e stamani ci siamo svegliati con questa tragedia. E’ davvero un disastro”. L’ultimo a vederli, secondo le testimonianze raccolte, è il gestore di un bar sulla statale 42 all’ingresso di Vezza d’Oglio. “Sono passati di qui – dice – appena ho aperto, hanno preso un caffè e poi se ne sono andati”. Poco dopo, quattro chilometri più avanti si è consumata la tragedia con l’auto che è finita nel fiume Oglio, con la morte dei due giovani che hanno lasciato sgomenti l’Alta Valle Camonica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136