QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Temù, tragedia sfiorata: precipita da parete di ghiaccio, interviene l’eliambulanza

sabato, 3 gennaio 2015

Temù – Tragedia sfiorata a Temù: un arrampicatore è caduto da una parete di ghiaccio ed è rimasto ferito in tarda mattinata. Immediato l’intervento dell’eliambulanza, giunta dagli Spedali Civili di Brescia.Elisoccorso nella neve

I soccorsi sono stati chiamati da un compagno di scalata. L’uomo era impegnato nella scalata della parete ghiacciata della cascata Madre. Lo scalatore è stato trasportato all’ospedale in codice rosso.

IL SOCCORSO ALPINO: “CONDIZIONI OTTIME DELLA CASCATA”
In merito all’infortunio di oggi sulla Cascata Madre in località Valbione, nel territorio del comune di Temù, che ha interessato un alpinista di 52 anni di Botticino (BS), il Soccorso alpino precisa che le condizioni della cascata di ghiaccio sono ottime e non ci sono stati distacchi di ghiaccio. La caduta, per una quindicina di metri, è un tipo di incidente che può capitare durante la normale attività di arrampicata su ghiaccio ed è dovuta all’uscita della picca mentre l’alpinista stava attrezzando la salita.

L’operazione di soccorso è avvenuta per mezzo dell’eliambulanza, a bordo della quale, in ambiente montano e impervio, è sempre presente un tecnico di elisoccorso del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136