QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Temù, i tecnici del Soccorso Alpino recuperano e salvano due escursionisti bresciani in zona molto impervia

martedì, 16 agosto 2016

Temù – Recuperati due escursionisti bresciani. È stato un intervento molto tecnico quello che si è svolto oggi in Alta Valle Camonica, nel territorio di Temù (Brescia), per il recupero di due escursionisti bresciani di 43 e 45 anni. Si sono allontanati dal sentiero e sono finiti in un’area molto impervia, sopra la zona del rifugio “Alla Cascata”, bloccati su di un pinnacolo roccioso, in un gruppo di piccole creste situate in mezzo a una fitta vegetazione.Temù Soccorso Alpino 1

Era impossibile per loro togliersi da lì senza rischi e quindi hanno chiesto aiuto, chiamando il 118. La Centrale operativa ha allertato la V Delegazione Bresciana del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) e l’eliambulanza. Le squadre territoriali della stazione di Temù, competente per territorio, composte da sei tecnici, dopo averli localizzati sono partite immediatamente per raggiungerli.

Nel frattempo, è decollato anche l’elicottero, dalla base di Brescia, che ha sempre a bordo un tecnico di elisoccorso del CNSAS, oltre all’équipe sanitaria. Per mezzo di due diverse manovre con il verricello, i due uomini sono stati portati a bordo e infine trasferiti a valle. L’operazione è terminata nel tardo pomeriggio.

La complessità dell’intervento, che in questo caso si è concluso in modo positivo, con il rientro dei due escursionisti illesi, è stata molto elevata, perché il luogo e il terreno presentavano una serie di difficoltà che possono essere affrontate e superate solo da tecnici di soccorso alpino, ottimi conoscitori dei luoghi, dei sentieri e dei possibili accessi a determinate aree. Temù Soccorso Alpino 20I soccorritori del CNSAS sono obbligati a sottoporsi periodicamente a corsi di formazione e di aggiornamento, oltre a esercitazioni in ambiente che simulano tutte le possibili implicazioni che possono presentarsi nella realtà. Devono essere in grado in ogni momento di raggiungere chi ha bisogno di aiuto, in qualsiasi condizione ambientale o meteorologica. Gli interventi avvengono spesso in collaborazione con l’eliambulanza e per questo genere di competenza, sono organizzati momenti periodici di scambio per garantire sinergia, affiatamento e professionalità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136