QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Temù, aperto il Festival del cinema di montagna con 16 film in concorso. Il programma

mercoledì, 30 agosto 2017

Temù – E’ iniziato ieri sera, con gli interventi del sindaco di Temù Roberto Menici e il Presidente di Montagna Italia Roberto Gualdi, il Festival internazionale del cinema di montagna “ALPS”, in programma fino a sabato 2 settembre al cinema Alpi di Temù (Brescia). Per l’Alta Valle Camonica e la  provincia di Brescia – ha rimarcato il sindaco Roberto Menici ”è un evento unico nel suo genere, che ha un obiettivo ambizioso: promuovere la montagna”

Alps Temù 1Roberto Gualdi ha invece illustrato il cartellone della manifestazione, con i diversi appuntamenti che caratterizzeranno le serate (inizio alle 20.45) fino a sabato. Il pubblico è stato coinvolto in grandi emozioni con la proiezione della pellicola “Jirishanca, il Cervino delle Ande”, con l’impresa del famoso alpinista Riccardo Cassin, mitico maglione rosso dei “Ragni” di Lecco. L’opera è grazie alla collaborazione di Centro di Cinematografia, Cineteca del Cai e Fondazione Cassin. (Nella foto da sinistra Roberto Menici e Roberto Gualdi)

IL PROGRAMMA 

Fino a venerdì 1 settembre, verranno invece proiettati i film selezionati per il concorso cinematografico internazionale, diviso in due sezioni: “Le Alpi” e “Terre alte del mondo”. Per la seconda edizione del Festival sono sedici i film in concorso scelti tra gli oltre 120 pervenuti da 13 Nazioni del mondo.

All’inizio di ogni serata – come spiegato da Roberto Gualdi – verranno, inoltre, proiettate le venti fotografie selezionate tra tutte le iscritte al concorso fotografico 2017 di “Spirit of the mountain”, Circuito promosso da Associazione Montagna Italia di cui Alps fa parte.

Inoltre giovedì 31 agosto si terrà la proiezione del film fuori concorso “Non avere paura – un’amicizia con Papa Wojtyla”, una produzione Rai Fiction con la regia di Andrea Porporati. Il film vede la collaborazione di Lino Zani, maestro di sci e alpinista dell’Adamello che instaurò con il Papa un’amicizia che li ha accompagnati per anni. Fu definitivo infatti dal Papa “Il Nostro Apostolo delle montagne”. Il film è la trasposizione cinematografica del libro “Era Santo, Era Uomo” di Lino Zani.

Sabato 2 settembre, serata conclusiva del Festival, vedrà Riccardo Cassin di nuovo protagonista con la proiezione del film “La sud del Monte McKinley” alle 20,45 ed il Soprano Silvia Lorenzi, della Compagnia delle Chiavi, nella sua performance teatrale e lirica dedicata al tema della montagna “Vette di latte”.

Promosso da Associazione Montagna Italia, in collaborazione con il Comune di Temù, Valle Camonica – La Valle dei segni, PontediLegno-Tonale-Adamello Ski e Provincia di Brescia, l’evento rappresenta l’unico Festival Internazionale nella Provincia di Brescia che promuove un bando di concorso internazionale cinematografico ai fini della promozione dell’ambiente montano attraverso la proiezione di opere suggestive che andranno ad esplorare diverse tematiche connesse alla conoscenza delle terre alte del mondo: alpinismo, escursionismo, ghiacciai, viaggio, fauna e flora, popoli. Un evento da seguire e vivere in presa diretta al cinema Alpi di Temù.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136