QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tecnici di Breno del CNSAS protagonisti di una simulazione di intervento al Palio delle Quadre nel Comune di Chiari

sabato, 6 settembre 2014

Chiari – Nel Bresciano esercitazione di una squadra della Valle Camonica del Soccorso alpino. Una simulazione di intervento in parete, sul campanile di Chiari: ieri sera, 5 settembre 2014, un gruppo di tecnici della Stazione di Breno, in rappresentanza della V Delegazione Bresciana del CNSAS, ha messo in atto un’operazione di soccorso così come potrebbe accadere nella realtà. Nella foto la simulazione d’intervento.cnsas su parete 

L’iniziativa si è svolta all’interno della nota manifestazione clarense “Palio delle Quadre”, grazie all’interessamento della sezione CAI locale, che ha organizzato anche una serie di calate e di altre esibizioni sulle diverse tecniche alpinistiche e speleologiche.

Dall’alto della torre campanaria, un figurante si è calato ed è rimasto in attesa dei soccorritori, fermandosi sospeso nel vuoto. Due tecnici lo hanno raggiunto con la barella, messo in sicurezza secondo precisi criteri di staticità e sanitari, e infine calato alla base, dove di solito sono presenti i medici o l’ambulanza. Il recupero di persone bloccate in parete, spesso infortunate, è abbastanza frequente in provincia di Brescia, perché pareti a strapiombo sono presenti un po’ ovunque, dal Garda all’Adamello. Mettere in atto un intervento simulato è un momento importante per i tecnici, che in questo modo testano le diverse procedure e consolidano l’affiatamento e l’esperienza, indispensabili in caso di intervento reale.

È anche l’occasione per mostrare dal vivo che cosa accade in montagna, durante il recupero di un infortunato, e per promuovere una cultura della prevenzione e della gestione del rischio, che è uno dei compiti principali del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136