QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Sviluppo valli prealpine, svincolo di Esine e canoni idroelettrici montani: approvati ordini del giorno in Regione

giovedì, 3 agosto 2017

Milano – Approvato oggi al Pirellone un ordine del giorno al bilancio regionale che “impegna la Giunta a destinare la totalità delle risorse relative ai canoni aggiuntivi previsti dalla L.R. 26/2003 ai territori montani affinché vengano impiegate per progetti strategici di sviluppo.”  Ne è promotrice Donatella Martinazzoli, consigliere regionale della Lega Nord e vede come primo firmatario Stefano Bruno Galli, presidente della Lista Maroni.  

“Stiamo andando finalmente verso la conclusione di un lungo iter amministrativo – spiega Donatella Martinazzoli – con la possibilità di riscuotere circa 30 milioni di euro di canoni aggiuntivi che potranno essere destinati ai Comuni montani della nostra regione. Con questo ordine del giorno, concordato con il  sottosegretario alla Montagna, Ugo Parolo e con l’assessore regionale Garavaglia, consentiremo ai Comuni di ricevere il 100% delle somme riscosse, anziché il 50% attualmente previsto.  Queste importanti risorse aggiuntive potranno essere destinate al finanziamento di opere da tempo attese dal territorio, consentendo interventi di grandi rilevanza sulla rete infrastrutturale e a sostegno del tessuto economico, produttivo e turistico della montagna”.

SS42, MARTINAZZOLI (LEGA NORD): “STANZIARE LE RISORSE NECESSARIE PER LO SVINCOLO DI TOROSELLE A ESINE.”

“Inserire  l’intervento di realizzazione per lo svincolo “Toroselle” nella programmazione delle infrastrutture viabilistiche della Valcamonica tramite specifico accordo di programma, affinché siano stanziate le risorse finanziarie necessarie a sostenere i costi per la realizzazione di tale opera, attingendo ai residui delle risorse stanziate nel “Patto per Ia Lombardia”".

Lo prevede un Ordine del giorno all’assestamento al bilancio regionale 2017-2019 presentato dal Consigliere Regionale della Lega Nord Donatella Martinazzoli ed approvato oggi al Pirellone.

“Col passare degli anni – spiega Martinazzoli –  I’aumento del volume di traffico dovuto alla costante e progressive urbanizzazione, al costante aumento dell’attività economica e all’incremento del movimento turistico, hanno portato alla luce l’incapacità dell’arteria in questione di sostenere elevati volumi di traffico. La viabilità esistente che collega le frazioni di Plemo e Sacca con gli svincoii della SS42, ossia lo svincolo di Esine verso nord e di Darfo verso sud, non ha i requisiti geometrici idonei per il transito dei mezzi pesanti che gravitano sull’area artigianale posta fra le due frazioni; un disagio avvertito non solo dai residenti ma anche e soprattutto dagli operatori delle aree produttive, in quanto le loro attività sono fortemente limitate della problematicità di transito dei mezzi di medie e grosse dimensioni destinati al trasporto delle materie prime e prodotti finiti.

Il comune di Esine – continua Martinazzoli – ha predisposto un progetto di realizzazione per lo svincolo “Toroselle”, gia sottoposto ad ANAS con parere favorevole, da realizzare nei pressi della frazione Sacca il cui costo è stimato in 750.000 euro. Con la realizzazione del nuovo svincolo il comune di Esine intende incentivare ed agevolare gli sviluppi urbanistici previsti nel PGT vigente, facilitando l’accessibilita alle  frazioni  Sacca  e  Plemo  agli  automezzi  di  servizio  alle  realtà produttive, migliorando contestualmente le condizioni di vivibilità della popolazione residente nei due centri urbani oltre a migliorare Ia viabilità di collegamento con i comuni limitrofi.

L’intervento in questione – conclude l’esponente del carroccio –  diventa quindi estremamente importante per lo sviluppo economico e la decongestione del traffico veicolare e migliorerà Ia vivibilità del centri abitati delle frazioni Sacca e Plemo, sia in termini di incremento della sicurezza stradale che di riduzione dell’impatto ambientale.”

SVILUPPO VALLI PREALPINE: MARTINAZZOLI (LEGA NORD): “IMPORTANTI RICADUTE PER LO SVILUPPO DELLA BASSA VALLE CAMONICA.”

“Mettere a disposizione 10,5 milioni di euro per promuovere, nel triennio 2018-2020 un progetto organico ed integrato per lo viluppo turistico ed economico delle Valli Prealpine della provincia di Brescia che valorizzi il turismo montano estivo ed invernale e metta a sistema località e risorse turistiche intervallive attraverso il potenziamento delle infrastrutture e del sistema turistico ricettivo, il rafforzamento delle integrazioni tra turismo e sistema produttivo, l’incremento delle opportunità occupazionali, la conservazione della qualità dell’ambiente e del paesaggio, la promozione delle destinazioni sul mercato turistico nazionale ed internazionale”.

Lo chiede un ordine del giorno all’assestamento al bilancio regionale 2017-2019 presentato dalla maggioranza consiliare di Regione Lombardia e approvato oggi dal Consiglio Regionale.

Tra i firmatari anche la camuna Donatella Martinazzoli (Lega Nord) che evidenzia come “queste ingenti risorse, che avranno importanti ricadute anche su tutto il territorio della Bassa Valle Camonica, potrebbero diventare molte di più dopo la vittoria del Sì al referendum del 22 ottobre.

Basti pensare che dopo la trattativa con lo Stato centrale, se ci saranno assegnate tutte le competenze previste dalla Costituzione con le relative risorse, guadagneremmo 6,7 miliardi di euro in trasferimenti con una crescita del PIL del 3,1%.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136