QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sversamento fiume Oglio: interviene anche la Regione. Terzi: “Attivare azioni di vigilanza”

lunedì, 4 gennaio 2016

Breno – Dopo i prelievi effettuati dai vigili del fuoco del distaccamento di Breno e consegnati all’Arpa, con l’apertura di un’inchiesta per accertare le responsabilità dello sversamento nel fiume Oglio (indagano i carabinieri della compagnia di Breno), prende posizione sulla vicenda Regione Lombardia.

Ringrazio Arpa per la tempestivita’ dell’intervento. E’ altrettanto chiaro di come ci sia la necessita’ urgente di maggiori monitoraggi a tutti livelli, soprattutto locali“. Cosi’ l’assessore regionale all’Ambiente Claudia Terzi sulla lunga scia di schiuma bianca che ha colpito ieri, intorno a mezzogiorno, un tratto del fiume Oglio, tra le zone di Breno e Cividate Camuno.

INDIVIDUATA PROVENIENZA SCHIUMAassessore claudia terzi
Arpa – continua l’assessore – insieme alle Guardie ecologiche, i Vigili del Fuoco e l’ASL, sono riusciti ad individuare la provenienza della schiuma dal canale Onera che attraversa la zona industriale di Breno, anche se non e’ stato possibile confermare i responsabili. Sono stati prelevati due campioni di acque superficiali, rispettivamente nella confluenza del Torrente Onera con il Fiume Oglio e verso il ponte sul Fiume Oglio nel centro abitato del Comune di Cividate, e un campione di sedimento al punto di confluenza Onera- Oglio. I campioni verranno analizzati nelle prossime ore dai tecnici del laboratorio Arpa di Brescia“.

FENOMENO IN VIA DI ESAURIMENTO
Purtroppo – precisa Terzi – eventi simili si sono gia’ verificati in altre occasioni, ma non e’ mai stato possibile individuarne la fonte. Per fortuna nella mattinata di oggi il fenomeno era in via di esaurimento. Questo non toglie l’importanza di attivare subito e in maniera costante azioni di vigilanza sul territorio. Nei prossimi giorni proseguira’, da parte degli organi competenti, la verifica di eventuali responsabilita’ per quanto accaduto“.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136