QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Sonico: terzo giorno dell’unità di crisi e lavoro per ripulire case, cantine e vie. Statale 42 a senso alternato

giovedì, 7 agosto 2014

Sonico (Al. Pa.) – Terzo giorno di lavoro a Sonico (Brescia) dove l’esondazione del torrente Re ha provocato danni ad abitazioni, cantine, garage e strade. I segni della notte di paura sono ben visibili e l’unità dei crisi allestita martedì mattina dal Prefetto di Brescia sta proseguendo. Oggi sono una cinquantina le persone, in particolare i militi dei vigili del fuoco del distaccamento di Edolo sono a Sonico per aiutare la popolazione in questa fase di emergenza e da tre giorni operano per portare soccorso al paese camuno assieme agli uomini del distaccamento dei vigili del fuoco di Darfo. Sono inoltre presenti le forze dell’ordine, carabinieri, polizia e guardia di finanza, e i volontari di diverse associazioni, Protezione Civile di Sonico, l’associazione <Le ToSonico esondazionerri> di Malonno e l’Arnica  di Berzo. <Devo ringraziare tutti – sostiene il sindaco Giovan Battista Pasquini – per il lavoro svolto e per aver aiutato la nostra popolazione in questi giorni>. Prosegue il lavoro di sgombero di fango delle cantine e box allagati e la messa in sicurezza con la pulitura della grande briglia a monte, praticamente da dove era partita quest’ultima frana. 

SENSO UNICO STATALE 42

Intanto sono iniziati i lavori sulla statale 42 all’altezza dello svincolo per Sonico. L’Anas ha avviato i lavori sulla strada statale 42 “del Tonale e della Mendola” al km 115,550, dove a seguito delle forti precipitazioni che hanno interessato l’area, l’esondazione del Torrente Rè ha allagato alcune abitazioni e ha ricoperto di fango un tratto di statale. Per consentire l’intervento è stato istituito il senso unico alternato della circolazione, anche in orario notturno, fino a sabato 9 agosto, salvo condizioni meteo avverse.

In particolare, l’intervento riguarda una condotta sottostante alla strada statale ostruita dai materiali trascinati a valle dalle acque dello stesso torrente, che verrà sostituta con uno scatolare in elementi prefabbricati della dimensione di 2 metri quadrati. L’Anas, già nel pomeriggio odierno,  ha provveduto, d’intesa con la Prefettura di Brescia e con il Comune di Sonico e tramite l’impresa appaltatrice dei lavori di ordinaria manutenzione, alla rimozione del materiale depositato a ridosso dell’attuale attraversamento idraulico, ripristinandone le normali funzionalità.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136