QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Skyrace, Maratona del Cielo: domani chiudono le iscrizioni

mercoledì, 28 giugno 2017

Corteno Golgi – Maratona del Cielo, con Marco De Gasperi & Tadei Pivk i campioni a caccia dei record. Tutto pronto a Corteno Golgi (Brescia) per la 22esima Maratona del Cielo. Quella di domenica sarà un’edizione da record? Difficile dirlo, ma le premesse vi sono tutte. Quando mancano pochi giorni al via e ancora pochissimi pettorali da assegnare, presso la segreteria camuna sono giunte due iscrizioni doc: nella starting list figurano il più volte trionfatore di questa gara Tadei Pivk e un esordiente di lusso del calibro di Marco De Gasperi. Due volte vincitore delle world series di skyrunning il primo, sei volte iridato della corsa in montagna il secondo. Due amici, due grandissimi campioni con un obiettivo comune: il primato cronometrico della manifestazione che resiste dal 2003 e che appartiene a un’icona delle corse a fil di cielo come Mario Poletti.

Il curriculum di questi due atleti non si discute, la loro classe nemmeno. Entrambi hanno le carte in regola per vincere e provare ad abbassare quel 4h08’24” che per la maggior parte degli skyrunner è e resta pura utopia. Non si può parlare di “missione impossibile”, ma sia Pivk che De Gasperi per riuscire a scrivere il loro nome nella pagina dei record dovranno correre la gara perfetta. In molti tiferanno per loro, anche i nostalgici dello skyrunning delle origini; quando ci si alzava il sabato all’alba per fare il primo turno e la domenica si “stampava” un record che tutt’oggi ha dell’incredibile.

Ma la 22esima edizione della Maratona del Cielo non sarà solo Pivk & De Gasperi, la gara principe è campionato italiano master Fisky e varrà come prova di selezione per le squadre nazionali. La mezza, invece, è inserita nel circuito Lombardia Running 2017. Sfogliando la lista partenti una menzione d’obbligo la meritano lo spagnolo Marc Pinsac e la rumena Denisa Dragomir. Il favorito d’obbligo della mezza sarà invece il lariano Emanuele Manzi.

ISCRIZIONI

Dei 400 pettorali previsti sulle due gare, ne restano ancora pochissimi da assegnare. Per gli indecisi dell’ultima ora Tom Bernardi e il suo staff hanno deciso di concedere un extra time. Limite inderogabile sarà domani sera o al raggiungimento del numero massimo di concorrenti. Maggiori informazioni su: www.maratonadelcielo.it

MARATONA

La partenza della maratona 2017 è da Corteno centro (950) e l’arrivo a Santìcolo (900), con dislivello di circa 2700 metri in salita e 2750 metri in discesa. Il percorso, da piazza Giovanni Venturini – Medaglia d’Oro davanti al municipio, una volta attraversato il centro storico, va dapprima su un tratto di strada ondulata in asfalto, lungo almeno un chilometri, poi ancora su asfalto per circa 2 chilometri, in salita, fino al borgo di Sant’Antonio (1127). Da qui si continua a destra su sentiero in terra battuta e acciottolato, in salita moderata, per ulteriori 2 km, fino a raggiungere il rifugio Alpini di Campovecchio (1310), dove ha inizio il Sentiero 4 Luglio vero e proprio (segnavia n. 7).

C’è subito una ripida salita di circa un chilometro fino al crinale di Premàlt, poi ulteriori 2 km in pendenza meno accentuata per raggiungere, con dislivello di 700 metri complessivo, lo Zappello dell’Asino (2026). Da qui il sentiero passa di nuovo dal crinale al versante e si caratterizza, oltre che per 6 km di continui saliscendi fino alla Val Rösa, che non fanno praticamente guadagnare quota, anche per un andamento quasi sempre trasversale al versante e dunque non del tutto agevole. A partire dall’ampio canale della Val Rösa si punta ora lungo la linea di massima pendenza e, su morene e terreno misto, si giunge dopo lunga salita a Passo Telènek (2642). Successivamente, attraverso un’impegnativa cresta, si guadagna Cima Sèllero (tetto della gara a 2744 m). Un’ardita discesa porta quindi a Passo Sèllero (2423) e poi, proseguendo per non difficili creste, tratti esposti, canalini e infine pezzi di vecchie mulattiere, passando per il Bivacco Davide (2645), si arriva al Piz Tri (2308). La discesa finale che porta a Santìcolo si snoda dapprima lungo mulattiere e sentieri, quindi su tratti di strada carrabile.

MEZZA MARATONA

Partenza da Corteno Golgi e arrivo a Santìcolo, con un dislivello complessivo in salita di ca. 1500 m e ca. 1550 in discesa. Il percorso è lo stesso della maratona per i primi 4 km ca. A Sant’Antonio si prende a sinistra in direzione Val Brandét, dapprima su ripido acciottolato, poi su strada sterrata in leggera salita, percorrendo praticamente tutta la valle. Poco prima di Malga Casazza, in loc. Piazzale Bondone (1382) si gira di nuovo a sinistra su un bel sentiero che sale snodandosi in mezzo a boschi e pascoli, e arriva, dopo più di mille metri, al Passo Salina (2433), dove s’innesta nel Sentiero 4 Luglio . Da qui il tracciato è lo stesso della maratona.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136