QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

San Sebastiano, Festa di Polizia locale: premiato il vicecommissario Giorgi dell’Alta Valle Camonica

venerdì, 20 gennaio 2017

Cremona – C’è anche il Vice Commissario di Polizia Locale Giacomo Giorgi (foto) del Comando di Polizia Locale dell’Unione Comuni Alta Valle Camonica tra i premiati di Cremona: questa mattina si è tenuta infatti l’annuale Festa di Polizia Locale.

giorgi bordonaliNon e’ certo un caso che la giornata della Polizia locale, annualmente celebrata nel giorno di San Sebastiano, patrono degli agenti, si sia svolta a Cremona. Poco meno di due anni fa, infatti, il 24 gennaio del 2015, la citta’ venne messe a ferro e fuoco da una manifestazione dei centri sociali che arrivarono anche a gettare una bomba carta contro il comando della Polizia locale.

VOGLIAMO RENDERE MERITO AI NOSTRI AGENTI
“Abbiamo voluto essere qui – ha detto l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali – proprio per rendere merito al lavoro svolto dai nostri agenti in quell’occasione. E’ stata una giornata particolare, durante la quale, insieme alle Forze dell’Ordine, gli uomini del Comando di Cremona hanno dimostrato grandi capacita’ di gestire la particolare situazione evitando che quegli atti diventassero ancora piu’ gravi”.

UOMINI E DONE SPECIALI 365 GIORNI L’ANNO
Per l’assessore che, nell’occasione, ha premiato anche gli agenti di altri comandi del territorio regionale che si sono particolarmente distinti per meriti nel 2015, la giornata di oggi non puo’ e non deve essere considerata un episodio. “Abbiamo voluto dare un riconoscimento a uomini e donne – ha sottolineato – che sicuramente si sono distinti in particolari azioni, ma il loro lavoro e’ speciale 365 giorni l’anno”.

SERVE NUOVA LEGGE NAZIONALE
E proprio perche’ la Polizia locale svolge un ruolo particolare, e’ necessario arrivare il prima possibile a una nuova Legge nazionale che lo riconosca, piu’ e meglio di quanto avviene oggi. “Noi abbiamo gia’ pronto un Testo di riforma – ha continuato l’assessore – che stiamo condividendo con le altre regioni. Intanto, a livello lombardo, abbiamo istituito i gradi, erogato tesserini di riconoscimento uniformi e approvato la nuova Legge regionale. Certo, molto deve essere ancora fatto, ma non possiamo dire di non avere quanto meno iniziato”.

TESTO CONDIVISO CON TUTTI I COMANDI
Questo percorso di condivisione portera’ l’assessore su tutto il territorio dove incontrera’ gli operatori per ascoltare le osservazione e i suggerimenti di chi quel ruolo lo ricopre.

GLI AGENTI NON POSSONO ESSERE EQUIPARATI A DIPENDENTI COMUNALI
“Non e’ possibile – ha chiosato Bordonali – che gli agenti siano equiparati ad altri dipendenti comunali”. L’obiettivo e’ quello di arrivare a un “contratto di lavoro nuovo, autonomo e assimilato a quello delle Forze dell’ordine e non del comparto pubblico”. Un contratto che abbia profili previdenziali e assistenziali equiparati a quelli delle Forze dell’ordine. “Quello che fate – ha aggiunto – e i riconoscimenti di oggi lo dimostrano, e’ assolutamente assimilabile a quello che fanno le Forze dell’ordine”.

L’ACCESSO AI DATI DELLO SDI
In questo percorso un’altra tappa fondamentale sara’ la firma di un Protocollo con il ministero degli Interno. “Minniti – ha concluso Bordonali – ci ha garantito che lo faremo entro fine mese. In questo modo i nostri 9.200 agenti potranno fornire un supporto ancora maggiore alle Forze dell’Ordine e potranno accedere ai dati del Sistema di Indagine (Sdi)”. Oggi, infatti, la Polizia locale, ad esempio, nel momento in cui ferma un’auto, puo’ solo chiedere patente e libretto al conducente, senza sapere se questo sia incensurato o un pericoloso criminale.

DALLA LOMBARDIA 20 MILIONI PER INTERVENTI DI SICUREZZA
Da ultimo l’assessore ha ricordato i notevoli investimenti regionale per incrementare le dotazioni di sicurezza a disposizione degli agenti e per diffondere i sistemi di videosorveglianza. Nel triennio sono stati infatti investiti oltre 20 milioni di euro”.

FESTA POLIZIA LOCALE, BORDONALI: UOMINI E DONNE SPECIALI 365 GIORNI L’ANNO – BRESCIA
Di seguito degli agenti di Polizia locale della provincia di Brescia premiati oggi - nell’ambito delle Celebrazioni di San Sebastiano, loro patrono - dall’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali e le motivazioni dei riconoscimenti.

CROCE E NASTRINO PER MERITI SPECIALI

Comando di Polizia Locale di MONTICHIARI
a) al Commissario Capo Cristian LEALI
b) all’Assistente scelto Silvano SALVI
c) all’Agente scelto Andrea REBUFFONI
d) all’Agente scelto Polizia Locale Omar PEZZAIOLI
d) all’Agente di Polizia Locale Giacomo FOLA

Motivazione: “A seguito di attivita’ investigativa, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Brescia, traevano in arresto due soggetti e ne deferivano in stato di liberta’ altre 3, resisi responsabili, a vario titolo, dei reati di prostituzione minorile, detenzione e produzione di materiale pedopornografico, tentate lesioni gravissime e adescamento di minori. In particolare veniva bloccato un cittadino italiano, affetto da HIV, che era solito adescare e consumare rapporti sessuali non protetti con minori e con ragazzi tra i 18 ed i 24 anni, presentandosi come pilota di aerei”.

CROCE E NASTRINO PER MERITI SPECIALI

al Vice Commissario di Polizia Locale Giacomo GIORGI del Comando di Polizia Locale dell’UNIONE COMUNI ALTA VALLE CAMONICA

Motivazione: “Nel corso di un’operazione congiunta con i Carabinieri della stazione di Ponte di Legno, svolte in orario
notturno e con mezzi propri, con professionalita’ e tempismo riusciva a trarre in arresto, nel territorio comunale di Temu’, un soggetto intento a rubare in un esercizio commerciale ove si era introdotto con effrazione”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136