QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

San Pietro e Aprica, scorci e cartoline d’altri tempi nelle opere d’arte di Alcide Pancòt

sabato, 14 novembre 2015

San Pietro – Immagini e fotografie del passato. Opere d’arte di Alcide Pancòt, che ci riportano indietro nel tempo, a un secolo fa. Stiamo parlando del suo ultimo dipinto, che ritrae un panorama di San Pietro Aprica da ovest, con sfondo l’Aviolo-Baitone.

scorciofinestra

Un panorama che in buona parte non esiste più, se non su antiche cartoline o in qualche quadro di Carlo Carrà, ma che Alcide ha pensato di far rivivere dal bianco e nero della cartolina seppiata ai colori pastello del suo caratteristico stile luminoso, tra il naïf e l’iper-realistico.

Lo fa rivivere, a maggior ragione, perché lo ha collocato nel vano di una finestra, che pare così aprirsi sulla linda visione alpina – giustamente mitizzata – di un secolo fa.

All’Aprica tutti conoscono Pancòt, sia come maestro di sci che come appassionato di Mtb.

dipinto pancot

Ma lo conoscono ancor più per la sua attività di pittore, che lo ha portato negli ultimi decenni a decorare decine di muri e pareti, sia di esterni che di interni. I suoi murales sono, tra l’altro, meta di visite guidate da parte dell’organizzazione turistica locale. E per tutti Alcide Pancòt da Vittorio Veneto all’Aprica, è un mito.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136