QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Rischio neve e rischio valanghe: in Lombardia confermata moderata criticità

domenica, 6 marzo 2016

Passo Tonale – Il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia, la cui attivita’ e’ coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, ha emesso un avviso, il numero 021, di conferma della moderata criticita’ per rischio neve fino a revoca.fuoripista Tonale

L’allerta riguarda le zone omogenee: N1 Alpi Orientali-Alta Valtellina (provincia di Sondrio e quota superamento soglia 700 metri); N2 Alpi Occidentali-Valtellina e Valchiavenna (provincia Sondrio e quota 700 metri); N3 Prealpi Occidentali (province Como, Lecco e Varese, quota soglia 700 metri); N4 Prealpi Centrali (provincia di Bergamo con quota 700 metri) e N5 Prealpi Orientali (provincia di Brescia con quota 700 metri).

Criticita’ ordinaria, invece, per la zona N10 Oltrepo Pavese-Appennino (provincia di Pavia con allerta da quota 700 metri).

IL METEO

La situazione meteo per la giornata odierna sara’ variabile, a tratti lievemente instabile specie in montagna; a seguire su alcune zone della pianura, in particolar modo quella centro-orientale, saranno possibili rovesci sparsi nevosi anche a carattere temporalesco fin sui 700/900m. In serata rinforzo del vento sui settori occidentali della Regione.

Per la giornata di domani, lunedi’ 7 marzo, persisteranno condizioni di variabilita’ e di instabilita’ con possibili rovesci sparsi, piu’ probabili sui settori centro-orientali della Regione, anche a carattere temporalesco. Il limite neve scendera’ fin sui 400/600 metri specie in caso di rovesci intensi.

INDICAZIONI OPERATIVE

Le situazioni di criticita’ per rischio neve potrebbero essere legate soprattutto a difficolta’, rallentamenti e blocchi del traffico stradale e ferroviario, a caduta di rami o piante, a possibili interruzioni della fornitura di energia elettrica e/o delle linee telefoniche, in particolare alle quote segnalate dove gli accumuli nella giornata di ieri 5 marzo sono stati piu’ rilevanti.

Si suggerisce pertanto ai Presidi territoriali, alla Polizia Stradale e a tutte le altre Forze operanti sul territorio, la necessita’ di predisporre un’attenta sorveglianza del traffico. Analoga sensibilizzazione nei confronti degli Enti gestori delle Strade (ANAS, Province, Comuni) perche’ dispongano nei punti più opportuni tutti i mezzi spazzaneve e spargisale e provvedano ad informare gli utenti della possibilita’ della formazione di ghiaccio sul manto stradale.

Si consiglia a tutti i Comuni, dotati di un Piano Emergenza Neve, di attuare tutte le indicazioni previste in fase di pianificazione e di divulgare le informazioni necessarie alla popolazione.

Si suggerisce inoltre di segnalare ogni evento significativo al numero verde della Sala operativa, attivo 24 ore su 24, 800.061.160.

CONFERMA MODERATA CRITICITA’ PER RISCHIO VALANGHE

Il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia, la cui attivita’ e’ coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione Simona Bordonali, ha confermato la moderata criticita’ per rischio valanghe.

L’allerta riguarda le zone omogenee: 11 Prealpi Occidentali (province di Como, Lecco e Varese); 12 Retiche Occidentali (Como e Sondrio); 13 Retiche Centrali (Sondrio); 14 Retiche Orientali (Brescia e Sondrio); 15 Adamello (Brescia); 16 Prealpi Bresciane (Brescia) e 54 Orobie e Prealpi Bergamasche (Bergamo, Brescia e Sondrio).

IL METEO
Una veloce perturbazione di origine atlantica ha interessato la nostra regione determinando condizioni di tempo perturbato con precipitazioni anche di forte intensita’, soprattutto nella giornata di ieri sabato 5 marzo.

Per la giornata di oggi, domenica 6 marzo, e’ previsto al mattino cielo irregolarmente nuvoloso, poi ampie schiarite soprattutto sul settore occidentale; non si esclude la possibilita’ di deboli e isolate precipitazioni nel Nord-Est della Regione. Rotazione dei venti da Nord. Limite della neve intorno 600 metri di quota. Per domani, lunedi’ 7 marzo e’ previsto al mattino cielo nuvoloso, dal pomeriggio graduale diminuzione della nuvolosita’.

INDICAZIONI OPERATIVE
La neve recente sara’ in fase di lento assestamento e graduale consolidamento. Il manto nevoso si presentera’ rimaneggiato dall’intensa attivita’ eolica recente. Saranno presenti in modo diffuso, nuovi lastroni scarsamente collegati a quelli gia’ presenti e il loro distacco sara’ probabile al passaggio di un singolo escursionista o sciatore. Su molti pendii non ancora scaricati, saranno possibili scaricamenti e valanghe di piccole e medie dimensioni, a debole o media coesione e anche a lastroni. In singoli casi anche di grandi dimensioni.

Pertanto, si suggerisce alle Amministrazioni Locali di:
- valutare l’eventuale necessita’ di chiusura o divieto di transito delle strade di competenza ad elevato rischio valanghe;

- informare la popolazione residente e quella transitante del possibile rischio.

Il centro suggerisce inoltre di segnalare ogni evento significativo al numero verde della Sala operativa 800.061.160, attivo 24 ore su 24.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136