QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Riforma della Sanità lombarda, approvato Ordine del Giorno sul corso di laurea infermieristica di Esine

martedì, 28 novembre 2017

Esine – Approvato oggi in Consiglio Regionale un Ordine del Giorno sul corso di laurea in infermieristica didattica frontale a Esine, nell’ambito della riforma della Sanità lombarda. Esprime soddisfazione il consigliere regionale leghista Donatella Martinazzoli, primo firmatario, che dichiara: “Con l’Ordine del Giorno approvato oggi dall’Aula consiliare ho chiesto al Governatore Maroni di prevedere, nel futuro ridisegno dell’articolazione territoriale dell’ATS della Montagna ASST Valle Camonica la stabilizzazione definitiva del corso di laurea infermieristica con lezioni frontali presso la sede di Esine”.

martinazzoli 1Voglio ricordare – spiega il consigliere del Carroccio - che l’ATS della Montagna l’ASST Valcamonica comprende il territorio più esteso tra le valli della regione, con alcuni comuni che distano dal capoluogo oltre 100 km, e ciò è fonte di grande disagio per gli studenti, costretti ad affrontare tempi di percorrenza eccessivamente elevati, anche a causa della difficoltà dei mezzi di trasporto disponibili”.

Negli ultimi anni – conclude Martinazzoli - il corso di infermieristica didattica frontale è stato più volte oggetto di discussioni, arrivando ad ipotizzarne addirittura la chiusura, una richiesta sbagliata e pericolosa che rappresenterebbe solo l’ennesima penalizzazione del territorio camuno. Occorreva invece procedere nella direzione opposta, consentendo ai nostri studenti di scegliere di formarsi nei luoghi dove sono nati e cresciuti, scongiurando l’abbandono delle zone montane. L’OdG approvato oggi al Pirellone va in questa direzione, tutelando e garantendo un servizio fondamentale per tutto il territorio camuno”.

Lombardia, Consiglio approva parte riforma sociosanitaria dedicata ai rapporti con le Università

Nuove regole per la formazione degli specializzandi universitari in strutture sanitarie in modo da consentire una graduale autonomia della loro attività; incentivi allo sviluppo della ricerca scientifica e dell’innovazione nella didattica e nella formazione sociosanitaria; revisione del protocollo d’intesa che regola i rapporti tra le Università e il Servizio Sanitario Regionale, con l’obiettivo di facilitare al personale universitario la conciliazione tra l’attività di formazione e quella di cura.

Sono queste alcune delle novità e dei contenuti principali della quarta parte della riforma regionale del sistema socio-sanitario lombardo relativa al ruolo e al rapporto con le Universitàapprovata oggi a maggioranza in Consiglio regionale con 35 voti a favore, 22 contrari e 2 astenuti.

Due gli aspetti qualificanti della legge sottolineati nel suo intervento in Aula dal Vice Presidente della Commissione Sanità Angelo Capelli (Lombardia Popolare), relatore del provvedimento. “Innanzitutto – ha spiegato Capelli - per la prima volta viene introdotta, in via sperimentale, la possibilità di una autonomia progressiva durante il percorso di formazione dei medici specializzandi. Inoltre, viene creata la rete formativa con al centro i poli universitari ma, in una logica aperta, rendendo possibile l’utilizzo e l’accesso a tutti quei punti di eccellenza che possono contribuire alla formazione del percorso professionale di specialità”.

La legge definisce tra l’altro anche i rapporti tra il servizio sociosanitario lombardo e le Università tramite un Protocollo d’intesa specifico per le attività assistenziali, didattico-formative e di ricerca. Viene inoltre istituito, come organismo di supporto alla programmazione regionale, un Comitato di indirizzo: tra le sue mansioni, come previsto in un emendamento proposto dal Partito Democratico e approvato in Commissione Sanità, è inclusa anche la valutazione del fabbisogno “di medici, di laureati nelle professioni sanitarie e di specializzandi”.

Le novità introdotte dal provvedimento, che interviene sugli articoli 29, 31, 33 e 34 della legge regionale n.33 del 2009, saranno oggetto di un periodo sperimentale di 5 anni complessivi (i primi 3 anni impiegati per la verifica della sperimentazione, i successivi due per individuare eventuali interventi correttivi) al termine dei quali la Regione, in collaborazione con il Ministero della Salute e con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, valuterà i risultati conseguiti.

Restano ancora sul tavolo dei nodi importanti da sciogliere –ha detto il Presidente della Commissione Sanità Fabio Rolfi (Lega Nord)- che però sono di carattere nazionale. In primo luogo l’insufficiente numero di borse per specializzandi e di formazione post-universitaria riconosciute alla Lombardia, integrate in questi anni solo da un numero crescente di borse regionali. Su questo punto occorre pretendere più autonomia e non a caso la programmazione delle borse di studio è proprio uno dei punti inseriti nella trattativa che stiamo portando avanti con lo Stato centrale a seguito del referendum. Altra questione di carattere nazionale è proprio quella concernente l’inadeguatezza normativa sull’autonomia progressiva degli specializzandi, sulla quale con questa legge abbiamo voluto mettere un po’ di ordine nell’ambito di norme che restano comunque statali e che necessitano di maggiore definizione”.

Giudizio negativo al provvedimento è stato espresso da Chiara Cremonesi (Insieme per la Lombardia): “Una quarta parte della riforma che si aggiunge a quelle precedenti senza una visione generale e, purtroppo, senza la formalizzazione delle tutele per gli specializzandi”.

Di “ulteriore passo avanti nella riforma della sanità lombarda” ha parlato invece il capogruppo di Fratelli d’Italia, Riccardo De Corato, che ha positivamente sottolineato l’integrazione tra formazione, ricerca e specializzazione che il provvedimento adotta nel perseguire l’obiettivo generale della riforma che consiste nella “presa in carico degli assistiti”.

Questa legge – ha dichiarato la Vice Presidente Sara Valmaggi – compie un ulteriore piccolo passo avanti, attuando un Protocollo d’intesa tra Regione Lombardia e Università, siglato nel 2008, ma mai applicato. Spiace tuttavia costatare che la maggioranza non ha voluto accogliere ulteriori miglioramenti, tra cui un rafforzamento della tutela per gli specializzandi delle professioni mediche. Spetterà alla prossima legislatura regionale valutare complessivamente l’attuazione della riforma”.

A maggioranza sono approvati anche tre ordini del giorno. Il primo documento (a firma di Angelo Capelli), impegna la Giunta regionale ad attivarsi presso i competenti Ministeri affinché in deroga ai limiti previsti dalla legge nazionale, sia possibile prevedere la collaborazione dei medici in formazione specialistica, almeno su base volontaria e domenicale, nelle attività di raccolta di sangue esercitate in convenzione con le ASST territoriali.

Il secondo documento, proposto da Gianantonio Girelli e da Marco Carra (PD), invita la Giunta regionale a prevedere che, nel futuro ridisegno dell’articolazione territoriale, la rete universitaria bresciana si articoli nell’area geografia corrispondente al territorio dell’ATS di Brescia, oltre al territorio dell’ATS Valpadana (che comprende le ASST di Cremona e di Mantova) al fine di garantire continuità nella tradizione formativa. Inoltre, la Giunta è invitata a prevedere che nel Comitato d’indirizzo sia prevista, oltre alla presenza dei direttori generali delle ATS, anche quella dei direttori generali delle ASST e degli IRCCS lombardi.

Infine, un ordine del giorno proposto da Massimiliano Romeo e da Donatella Martinazzoli (Lega Nord) invita la Giunta regionale a prevedere, nel futuro ridisegno dell’articolazione territoriale, la stabilizzazione definitiva del corso di laurea infermieristica presso la sede di Esine (BS).

Come già stabilito in Commissione Sanità con voto unanime, è stata stralciata da questo provvedimento la parte relativa alle attività dei servizi necrofori e cimiteriali, inizialmente compresa nel testo, che sarà invece oggetto di un prossimo specifico progetto di legge.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136