QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Regione Lombardia, il territorio bresciano al centro del question time odierno

martedì, 8 ottobre 2013

Mazzano- Nella seduta di questa mattina il Consiglio regionale ha trattato interrogazioni e interpellanze su lavoro, sanità, scuole e smaltimento rifiuti. Di seguito i documenti che riguardano il territorio bresciano.lago_d_idro,197

Prevenzioni incidenti pesca subacquea sui laghi
Mauro Parolini (capogruppo PDL) ha presentato un’interrogazione per la prevenzione degli incidenti nautici sui laghi lombardi. Con essa si sollecita la Giunta ad emanare una norma che preveda per i natanti l’applicazione di una segnaletica mirata e galleggianti di segnalazione per la pesca subacquea. L’assessore alle Infrastrutture Maurizio Del Tenno ha annunciato al proposito un incontro domani 9 ottobre con l’Autorità di Bacino.

Impianto gestione rifiuti a Mazzano
In presenza di una richiesta di delocalizzazione di un impianto di gestioni rifiuti a Mazzano, in località San Valentino, respinta dall’amministrazione comunale e dai Comuni limitrofi di Castenedolo, Calcinato e Rezzato oltre a 10.000 firme contrarie raccolte dai cittadini, il consigliere Fabio Rolfi (Lega Nord) ha chiesto alla Giunta regionale di sospendere l’iter autorizzativo. In risposta, l’assessore all’Ambiente, Claudia Terzi, dopo aver precisato che in maggio e all’inizio di ottobre sono già stati effettuati i necessari sopralluoghi, ha detto che nel mese di ottobre verrà convocata la seconda Conferenza dei servizi per un ulteriore confronto tra le parti.

Monitoraggio procedure autorizzazioni per discariche rifiuti a Bosco Stella
Riferendosi ai progetti sulla discarica controllata Bosco Sella tra i Comuni bresciani di Castegnato e Paderno Franciacorta e all’avvio delle procedure di VIA (Valutazione Impatto Ambientale) e AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale), il consigliere Gianpietro Maccabiani (M5S) ha chiesto quali valutazioni e quali criteri tecnici sono stati individuati per stabilire il limite di sostenibilità delle discariche di rifiuti presenti in una stessa area. L’assessore Claudia Terzi ha risposto che oltre ai controlli messi in atto, la materia è assoggettata a norme nazionali.

Impianto recupero e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi a Rezzato
Il consigliere Gianpietro Maccabiani (M5S) ha chiesto all’assessore all’Ambiente se “ritiene opportuna” la realizzazione di un impianto di recupero e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi a Rezzato, in una zona “gravemente compromessa” dal punto di vista ambientale. L’assessore Claudia Terzi ha ribadito che la materia è regolata da norme nazionali ed europee e quindi la possibilità di intervenire in questo campo è legata “ad altre Sedi istituzionali” come potrebbero essere proposte di modifica di leggi sia in Italia sia a Bruxelles con la maggiore coesione possibile da parte dei gruppi politici “che siedono qui in Consiglio regionale come nei due Parlamenti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136