QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Botte alla madre, rapina ed estorsione: minorenne arrestato dai carabinieri in Valle Camonica

giovedì, 16 giugno 2016

Pisogne – A Pisogne (Brescia) i carabinieri della locale stazione hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal Tribunale per i minori di Brescia per i reati di “rapina aggravata – estorsione e maltrattamenti in famiglia”, un studente minorenne residente in Valle Camonica.CARABINIERI LARGE

Il provvedimento e’ stato emesso dalla magistratura minorile – a seguito di richiesta avanzata dalla citata stazione a conclusione di attivita’ investigativa – in quanto il minore, sin dal dicembre 2015, aveva posto in essere ripetuti atti di violenza e gravi azioni estorsive nei confronti della propria madre al fine di ottenere somme di denaro ed altri beni materiali arrivando a picchiarla con violenza e minacciarla anche davanti al fratello minore. La donna aveva chiesto, pertanto, aiuto ai carabinieri di Pisogne che, dopo una breve indagine, hanno richiesto alla Rrocura della Repubblica presso il tribunale dei minorenni misure atte a bloccare il violento comportamento del minore.

Il giovane e’ stato collocato in una comunita’ di prima accoglienza come disposto dalla competente Autorita’ Giudiziaria. Il provvedimento deve essere di monito ai minori che erronemante ritengono di non essere perseguibili per la loro giovane eta’. Invece essi sono tenuti a rispettare le leggi in quanto anche per loro sono previste misure cautelari che vanno dal collocamento in istituto e/o comunita’ minorile alla permanenza presso la propria abitazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136