QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Raffiche di vento, strade chiuse e disagi in Valle Camonica e Trentino

lunedì, 11 novembre 2013

Lozio – Il forte vento ha spazzato il cielo, ma anche scatenato l’inferno nelle valli. A Lozio il paese è rimasto senza corrente elettrica per ore e la strada intercomunale che conduce a Ossimo rimarrà chiusa per una settimana. Le forti raffiche di vento che si sono abbattute la scorsa notte ha provocato disagi e sono già stati fissati sopralluoghi, per fare il punto della situazione soprattutto per quanto riguarda la strada che collega Villa di Lozio a Ossimo. A Lozio è saltata da corrente dalle 2 alle 6. Altri problemi anche a Edolo, sempre per la caduta alberi e a Vevento e alberi cadutizza d’Oglio su una strada che porta in quota.

Invece in Trentino è tornata la circolazione delle auto nell’area della stazione dei treni di Trento. A causa degli alberi caduti nei pressi di piazza Dante, infatti, sono state chiuse le vie Segantini e Romagnosi. Molti i danni provocati dalle forti raffiche di vento anche nel resto della provincia.   La statale che collega Nago Torbole ad Arco è stata chiusa temporaneamente per alcuni alberi che ostruiscono la sede stradale. Anche ad Arco, località Maza, diverse le piante finite sulla strada, così come a Caldonazzo. Numerosi gli interventi per liberare le strade da rami caduti e alcuni alberi schiantati dalle raffiche provenienti da nord che hanno raggiunto anche gli 80 chilometri all’ora.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136