QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Profughi, manifestazione della Lega Nord a Temù. Caparini: “Stop invasione, prima i nostri”

sabato, 29 agosto 2015

Temù –  Manifestazione della Lega Nord a Temù. Dopo giorni di polemiche si è tenuta la protesta contro la politica sull’immigrazione del governo Renzi che sta interessando anche l’Alta Valle Camonica.temù

Le accuse della Lega Nord sono state ribadite oggi: “Con l’aiuto dei sindaci targati PD – ha detto Donatella Martinazzoli, consigliere regionale – il Governo sta riempiendo la Valle Camonica di clandestini”.

Il presidio, promosso dell‘onorevole Davide Caparini, ha visto la presenza dei consiglieri regionali Donatella Martinazzoli e Fabio Angelo Fanetti, del vice sindaco di Adro Oscar Lancini e di numerosi amministratori localiTemù protesta 1 camuni anche non appartenenti alla Lega Nord.

“Abbiamo dimostrato che la piazza di Temù non è del sindaco, ma dei cittadini. Abbiamo manifestato di fronte al Comune perché è la casa dei cittadini e simbolo della comunità: così è stato grazie alla collaborazione delle forze dell’ordine, inutilmente scomodate dagli allarmasmi di un sindaco poco avvezzo al dissenso, e al senso di responsabilità dei tanti cittadini giustamente incazzati”, il post su facebook di Caparini al termine della manifestazione.

Il corteo, partito dal piazzale antistante gli impianti di risalita, ha quasi raggiunto la statale 42 e di fronte al municipio di Temù (dalla parte opposta della strada, nella foto) l’onorevole Caparini ha tenuto un comizio, ribadendo “la contrarietà della Lega Nord all’arrivo in Valle Camonica di altri clandestini”.Temù protesta10

“Stop invasione prima i nostri” è stato lo slogan della manifestazione. “La Valle Camonica – ha concluso Caparini – non è in grado di gestire e sostenere il carico di un’emergenza che ormai è diventata strutturale a causa della cattiva politica sull’immigrazione attuata da questo governo”.

Le forze dell’ordine hanno controllato i manifestanti: non è stata bloccata la strada statale 42 del Tonale a differenza di quanto accaduto durante la manifestazione di un mese fa. Un centinaio i militanti e i manifestanti, che hanno occupato la strada che porta in Val d’Avio nel tardo pomeriggio.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136