QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Provincia di Brescia, il presidente Mottinelli firma il decreto: “Nessun esubero, guardiamo al futuro con serenità”

venerdì, 19 febbraio 2016

Brescia – Nessun esubero, garantiti i servizi e attuata la riforma della Provincia. Il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, ha firmato oggi il decreto con il quale la delicata, lunga e complessa vicenda del riordino del personale della Provincia di Brescia ha trovato soluzione. Un risultato positivo: nessun dipendente della Provincia sia in posizione di sovrannumerarietà e, quindi, inserito sull’apposito Portale della Funzione Pubblica (Il presidente Mottinelli al centro nella foto illustra il decreto appena firmato).
Mottinelli decreto

“L’obiettivo è stato raggiunto grazie anche a una fattiva interlocuzione con Regione Lombardia – ha dichiarato il Presidente Mottinelli – un lavoro durato mesi, che ci ha portato, con soddisfazione a questo grande risultato. D’ora in avanti, possiamo guardare più serenamente al futuro”.

I numeri: ad aprile 2014 i dipendenti della Provincia erano 784, con un monte stipendi di 28milioni e 600 mila euro, ora sono scesi di 311 unità tra pensionamenti, mobilità e servizi decentrati.

E’ il risultato della riforma delle Province, prevista dalla legge 56/2014, meglio conosciuta come Legge Delrio, che ha imposto la riduzione del 50% del personale in servizio presso le Province. Lo scorso 15 dicembre 2015 era stata siglata l’intesa tra Regione Lombardia e UPL (Unione delle Province Lombarde) riguardo al personale delle Province lombarde assegnato alle funzioni non fondamentali confermate dalla Regione alle province medesime, oltre che a quelle non confermate (agricoltura, caccia e pesca). A quell’accordo – nel Bresciano – ha fatto seguito l’attuazione  e nel corso dei vari incontri svoltisi, la Provincia di Brescia, perseguendo la finalità enunciata fin da subito dal Presidente, Pier Luigi Mottinelli, cioè chiudere la partita del riordino con “esuberi zero”, ha chiesto a Regione Lombardia di assorbire anche i dipendenti assegnati alle funzioni di agricoltura, caccia e pesca dopo l’8 aprile 2014 nel limite di spesa dei dipendenti lì in servizio a quella data, oltre che prendersi in carico il costo di 32 ufficiali e agenti di Polizia Provinciale per lo svolgimento delle funzioni di vigilanza in materia ittico-venatoria.

“Le nostre richieste – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli – erano finalizzate a raggiungere l’obiettivo “esuberi zero” e, quindi, a cancellare dal Portale della Funzione Pubblica i nominativi dei dipendenti che avevamo inserito” E a questo risultato si è giunto oggi con la firma del decreto del presidente Mottinelli. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136