QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 in Valle Camonica: approvata graduatoria finanziamenti per piani di sviluppo locale

lunedì, 8 agosto 2016

Esine – Nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 -Misura 19 -Sostegno allo Sviluppo Locale Leader- la DG Agricoltura ha approvato la graduatoria definitiva dei piani di sviluppo locale (PSL) ammissibili a finanziamento per l’attivazione nel 2016-2020 dei Piani di Sviluppo Locale stanziando complessivamente oltre 64 milioni di Euro.

Il Piano denominato “Piano di Sviluppo Locale LEADER della Valle Camonica – Val di Scalve – Sebino Bresciano” presentato in qualità di capofila dal Consorzio Comuni BIM rientra tra i 10 progetti finanziati , classificandosi al 7 posto con 64 punti, a pari merito con altri 3 Progetti, beneficiando pertanto di un finanziamento per un importo complessivo di € 6.693.750,00.pascoli paesaggio montagna alpeggi

Il Piano finanziato interessa l’area appartenente alle:
Comunità Montana di Valle Camonica, in Provincia di Brescia (41 comuni); Comunità Montana del Sebino bresciano, in Provincia di Brescia (9 comuni); Comunità Montana della Valle di Scalve, in Provincia di Bergamo (4 comuni); Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi, in Provincia di Bergamo (1 comune); oltre ai Comuni di Corte Franca e Provaglio d’Iseo

1. La strategia proposta prevede il sostegno a 3 ambiti tematici quali:
SVILUPPO E INNOVAZIONE DELLE FILIERE E DEI SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI (agro- alimentari, artigianali e manifatturieri) : attraverso lo sviluppo della competitività e l’innovazione dei prodotti e delle filiere agroalimentari e forestali e relativi sistemi produttivi, con particolare riferimento alle produzioni DOP, IGT e ai prodotti biologici ed all’incentivazione della ricettività agrituristica.
€ 3.175.400,00

2. SVILUPPO DELLA FILIERA DELL’ENERGIA RINNOVABILE (produzione e risparmio energia: biomasse e biogas no-food): coinvolgendo tutti i portatori d’interesse della filiera bosco – legna – energia a partire dagli Enti Pubblici e degli Enti gestori di aree protette e risorse naturalistiche, con particolare attenzione ai Consorzi Forestali e le principali aziende zootecniche per la realizzazione di impianti a biogas no-food. Avviando nuove modalità per lo sfruttamento dei patrimoni privati.
€ 2.000.000,00

3. INCLUSIONE SOCIALE: promozione di azioni attraverso le cooperative agricole sociali e fattorie sociali non meramente assistenziali che favoriscano l’inserimento lavorativo e contestuale sviluppo delle risorse e capitali umani e lo sviluppo di una comunità socialmente responsabile favorendo l’inclusione sociale di specifici gruppi svantaggiati e/o marginali in ambito agricolo e forestale.
€ 774.600,00

4. GESTIONE € 743.750,00

Le 7 Misure attivate suddivise in 19 operazioni sono:

Misura 1. TRASFERIMENTO DI CONOSCENZE E AZIONI DI INFORMAZIONE; 1.1.01 Formazione e acquisizione di competenze
1.2.01 Progetti dimostrativi e azioni di informazione
1.3.01 Scambi aziendali

Misura 2. SERVIZI DI CONSULENZA E DI ASSISTENZA ALLE AZIENDE; 2.1.01 Incentivi per attività di consulenza aziendale
2.3.01 Formazione dei consulenti

Misura 3. REGIMI DI QUALITA’ DEI PRODOTTI AGRICOLI E ALIMENTARI; 3.2.01 Informazione e promozione dei prodotti di qualità

Misura 4. INVESTIMENTI MATERIALI PER LE AZIENDE;
4.1.01 Incentivi per investimenti per la redditività competitività e sostenibilità delle aziende agricole 4.3.01 Infrastrutture destinate allo sviluppo del settore Agroforestale
4.3.02 Salvaguardia e valorizzazione dei sistemi malghivi
4.4.02 Investimenti non produttivi finalizzati prioritariamente alla migliore gestione delle risorse idriche

Misura 6. SVILUPPO DELLE AZIENDE AGRICOLE E DELLE IMPRESE;
6.4.01 Sostegno alla realizzazione e allo sviluppo di attività agrituristiche
6.4.02 Sostegno alla realizzazione e allo sviluppo di attività di produzione di energia

Misura 7. SERVIZI DI BASE E RINNOVAMENTO DELLE ZONE RURALI;
7.2.01 Incentivi per lo sviluppo delle infrastrutture locali
7.4.01 Incentivi per lo sviluppo dei servizi in favore della popolazione rurale e delle imprese 7.5.01 Incentivi per lo sviluppo di infrastrutture e di servizi turistici locali
7.6.01 Incentivi per il recupero e la valorizzazione del patrimonio rurale

Misura 8. INVESTIMENTI NELLO SVILUPPO DELLE AREE FORESTALI E NEL MIGLIORAMENTO DELLA REDDITIVITA’ DELLE FORESTE;
8.3.01 Prevenzione dei danni alle foreste
8.6.01 Investimenti per accrescere il valore dei prodotti forestali
8.6.02 Investimenti nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste

Con l’attivazione di tale piano si potrà per i prossimi 4 anni sostenere con vigore quanto già avviato con la programmazione precedente, con particolare riferimento ai prodotti agroalimentari di qualità, al biologico e dare aiuto concreto ai Consorzio Forestali con l’attivazione della filiera bosco-legno-energia ed un concreto sostegno alle cooperative agricole sociali che potrà anche dare occupazione a nuovi addetti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136