QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Profughi in Alta Valle Camonica, Caparini insiste: “Così si favorisce l’invasione”

venerdì, 21 agosto 2015

Temù – “Abbiamo la prova provata che i Sindaci del PD si sono venduti a Renzi ed Alfano e vogliono favoreggiare l’invasione“. Con queste parole affidate a un post sulla propria pagina Facebook l’onorevole della Lega Nord Davide Caparini insiste sulla polemica sul tema dei profughi in Alta Valle Camonica.caparini 2

Il deputato camuno scrive rispondendo alla nota ufficiale dell’Unione dei Comuni dell’Alta Valle Camonica, a sua volta in risposta alle prime dichiarazioni del politico leghista con le quali si annunciava l’annullamento dei contributi regionali ai Comuni che accettassero l’accoglienza dei profughi.

Abbiamo la prova provata che i Sindaci del PD si sono venduti a Renzi ed Alfano e vogliono favoreggiare l’invasione. Mi auguro solo che dietro questa scellerata decisione (che alla fine riguarda Ponte, Temù e Vione perché Vezza non aderirà, Incudine e Monno non hanno spazi comunali adeguati) ci siano l’ignoranza e il pressapochismo di chi non conosce le conseguenze della sua decisione. Spero solo siano matti e non in malafede“. Così su Facebook l’onorevole Davide Caparini replicando alla nota dell’Unione dei Comuni.

INCONTRO A BRENO

La Prefettura di Brescia vuole convincere i Comuni per accogliere i profughi: ieri si è svolto un nuovo incontro in Valle Camonica. A Breno la riunione nella sede della Comunità montana ha coinvolto 33 primi cittadini dell’intera valle. Non è emerso niente di concreto, solo un’idea di un ipotetico protocollo della Comunità montana che si impegnerebbe con la collaborazione dei Comuni a trovare nuove soluzioni di accoglienza diffusa in Valle Camonica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136