QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Prestine: abbattuto un cinghiale che pesava 161 chili

mercoledì, 16 ottobre 2013

Prestine – Abbattuto uno dei cinghiali che negli ultimi due anni aveva fatto danni ad orti e giardini di Prestine. In particolare il cinghiale aveva preso di mira un’azienda agricola, devastando tutto ciò che trovava al suo passaggio. Gli agenti della Polizia provinciale la scorsa notte hanno abbattuto il cinghiale. Sorpresa: quando è stato pesato la lancetta della bilancia è arrivata a 161 chili. Secondo gli agenti della Polizia provinciale di Brescia si tratta dell’abbattimento più ‘pesante’  degli ultimi mesi.

DENUNCIATO BRACCONIEREcinghiale

Intanto gli agenti del Nucleo Ittico Venatorio della Polizia provinciale di Brescia, durante un servizio volto alla repressione del bracconaggio nel comune di Sulzano, in località denominata Colmi, hanno individuato diciotto tagliole opportunamente pasturate e posizionate per catturare l’avifauna migratoria, collocate ad una altezza di circa un metro da terra e fissate su di una rete metallica che funge da recinzione perimetrale di un appezzamento agricolo, là dove questo confina con il bosco.

Dopo un appostamento di quattro ore, con l’intento di cogliere in flagranza l’autore dell’illecito, i poliziotti hanno proceduto ad identificare una persona, che preceduta da un cane aveva raggiunto le tagliole, ne aveva estratto le prede (otto Pettirossi) e con estrema velocità e perizia aveva ricaricato le trappole. L’uomo, di anni 66, originario di Sarezzo, è stato denunciato alla Procura di Brescia, mentre le tagliole e gli otto pettirossi privi di vita sono stati sequestrati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136