QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Presidenti Arge Alp: pressioni all’UE su profughi e tutela clima

giovedì, 30 giugno 2016

Bezau – Risoluzioni su profughi, tutela del clima, occupazione sono state approvate nella Conferenza dei Capi di Governo Arge Alp, presente il vicepresidente Theiner.I Capi di Governo di Arge Alp riuniti nel Vorarlberg, per l'Alto Adige presente il vicepresidente Theiner - Foto- Landespressestelle Vorarlberg

La Conferenza dei Capi di Governo delle 10 Regioni aderenti ad Arge Alp Giovedì si è conclusa a Bezau (Vorarlberg) con l’approvazione di tre risoluzioni su profughi, cambiamento climatico, creazione di posti di lavoro nell’arco alpino. L’Alto Adige, con il presidente Kompatscher impegnato a Roma in Consiglio dei ministri per una nuova norma di attuazione, era rappresentato dal vicepresidente Theiner. La presidenza annuale di Arge Alp passa dal Vorarlberg alla Baviera.

Il presidente del Vorarlberg Markus Wallner ha presentato una risoluzione sulla questione profughi con cui le regioni Arge Alp invitano l’Unione Europea a mettere a punto una strategia sostenibile e una serie di misure efficaci, come il controllo dei confini esterni dell’UE e l’istituzione di centri di registrazione, per poter gestire in modo efficace i flussi di migranti nell’arco alpino. ”Si chiede più solidarietà, una strategia sostenibile, la velocizzazione delle procedure di asilo, lo sviluppo di piani per l’integrazione e soprattutto la lotta alle cause che spingono alla fuga e l’ampliamento della cooperazione internazionale”, ha sintetizzato Theiner.

In tema di tutela del clima, la risoluzione delle Regioni alpine chiede all’UE di verificare il proprio contributo del 40% minimo di riduzione delle emissioni di CO2 entro il 2030 rispetto ai valori del 1990, conformemente alle conclusioni del vertice sul clima di Parigi. I piani climatici ed energetici a partire dal 2050 devono portare ad un bilancio netto di emissioni pari a zero e ad una sostituzione il più possibile ampia delle fonti di energia fossile. “In Alto Adige abbiamo già fatto importanti passi avanti”, ha detto Theiner ricordando l’uso di fonti di energia alternative e la politica di CasaClima. Interventi sono tuttavia ancora necessari nel settore del traffico individuale.

Approvata infine la risoluzione per migliorare l’occupazione nell’arco alpino, che chiede all’UE di ridurre la burocrazia e l’onere amministrativo per le aziende, sostenere cooperazioni e infrastrutture di ricerca, semplificare l’accesso a finanziamenti per le start-up, potenziare gli investimenti in formazione e aggiornamento, ampliare l’infrastruttura nell’arco alpino (trasporti pubblici, ferrovia, banda larga).

Il vertice Arge Alp ha anche approvato nuovi progetti, tra cui l’Accademia Europea dei Talenti di Lindau (promozione extrascolastica di alunni particolarmente dotati al quale possono prendere parte 60 giovani di 16 e 17 anni), la creazione di un portale di ricerca per gli archivi Arge Alp, uno studio sui crolli di pareti rocciose.

Della Comunità di Lavoro delle Regioni Alpine (Arge Alp) fanno parte Baviera, Salisburgo, Tirolo, Vorarlberg, Lombardia, Alto Adige, Trentino, San Gallo, Ticino e Grigioni. per una popolazione complessiva di 26 milioni di persone. www.argealp.org


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136