QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Premio ‘Impronta camuna’ consegnato ai carabinieri della Compagnia di Breno

sabato, 12 settembre 2015

Breno – Pomeriggio di festa a Breno: nella sala assemblee del Consorzio Bim, in piazza Tassara, si è svolta la cerimonia di consegna del Premio Impronta camuna 2015.

premio 2

A ricevere il premio la Compagnia di Breno dell’Arma dei carabinieri. Il presidente dell’associazione Impronta Camuna, Roberto Bontempi, ha consegnato una pergamena e una scultura in bronzo lucido ‘Cavaliere delle Ere’ di Marco Bontempi, al Maggiore Salvatore Malvaso, che guida la Compagnia brenese.

Presente a ricevere anch’egli il premio, il Colonnello Giuseppe Spina, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Brescia, che ha rivolto il premio a tutti i comandanti delle 13 stazioni della Valle Camonica e ai 130 militari che vi operano e ha rivolto un plauso particolare al Maggiore Salvatore Malvaso, Comandante della Compagnia di Breno.

MOTIVAZIONEfarisoglio
La motivazione del riconoscimento è data “dall’impegno costante a favore delle popolazioni camune. La Compagnia si è distinta per l’attività quotidiana volta a garantire il rispetto della legalità, a salvaguardare l’incolumità della popolazione ed a permettere ai Comuni di prosperare e di vivere in un clima di serenità e sicurezza”.

CERIMONIA
Ad aprire la cerimonia, l’introduzione di Roberto Bontempi, presidente dell’Associazione Impronta camuna che ha ricordato motivazioni e obiettivi del sodalizio che si è costituito a Brescia nel 2008. Questa è la quarta edizione del premio, l’anno scorso assegnato a Ponte di Legno.consegna premio

Tre i momenti chiave, dopo gli interventi degli esponenti istituzionali: la consegna del premio, una scultura in bronzo raffigurante un camuno che risorge dalla roccia a simbolizzare la forza e l’attaccamento alle proprie origini,consegnato da Fiorenza Spiranti, autrice del manifesto che riproduce la Bandiera Italiana sopra la cartina della Valle Camonica e i copricapi dei carabinieri, quindi la consegna della pergamena effettuata da un gruppo di giovani a testimonianza del passaggio di valori tra generazioni, e infine la firma nel registro d’onore.

Presenti alla cerimonia le principali autorità civili, militari e religiose. Tanti i sindaci camuni in fascia tricolore, in prima linea il sindaco di Breno Sandro Farisoglio, al fianco del presidente della Comunità Montana e del BIM Oliviero Valzelli, all’assessore provinciale Diego Peli, il Prefetto vicario Salvatore Pasquariello.aula

Il manifesto celebrativo di Fiorenza Spiranti

E’ ideato da Fiorenza Spiranti socio di Impronta Camuna e artista dell’Associazione AAB di Brescia, nativa di Edolo residente a Ponte di Legno. L’opera riproduce la Bandiera Italiana sopra la cartina della Valle e su di essa i copricapi dei Carabinieri in fondo color terra.

banda

La bandiera a dimostrare la fedeltà che i Carabinieri hanno reso sempre onore all’Italia, dimostrando lealtà alla Repubblica e ai suoi valori e al territorio a loro affidato.

Il copricapo ordinario la vicinanza ai cittadini, divenuto un caposaldo del servizio dell’Arma, perfettamente svolto dai Carabinieri grazie alla loro capacità di rispondere alle richieste di sicurezza della comunità sia nell’esercizio degli ordinari compiti di polizia sia nella non meno importante funzione di rassicurazione sociale.

Il copricapo di cerimonia, (lucerna) è ciò che ogni cittadino vede nel carabiniere in parata il volto dell’amico, autorevole ma umano, al quale rivolgersi nel momento di difficoltà.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136