QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

PontedilegnoPoesia 2016: vince Umberto Piersanti. Il fuoco tema del prossimo totem

domenica, 21 agosto 2016

Ponte di Legno – En plein di Umberto Piersanti al PontedilegnoPoesia 2016. Con il libro “Nel folto dei sentieri” (ed.Marcos y Marcos), il poeta di Urbino ha vinto il primo premio della Giuria e è risultato anche il più votato dal pubblico che ha assistito alla fase finale del premio nazionale di poesia edita, giunto alla settima edizione ed inserito nella Settimana denominata “Una montagna di cultura…la cultura in montagna”, organizzata da MirellaCultura. Nella foto, a sinistra Fabrizio Paolo Iacuzzi (terzo premio), Umberto Piersanti (primo premio e vincitore di PontedilegnoPoesia 2016) e Silvio Raffo (secondo premio).premi mirellacultura

Al secondo posto, Silvio Raffo, varesino, con “La vita irreale. Poesia su due toni” (Robin Edizioni), al terzo Fabrizio Paolo Iacuzzi, di Pistoia, con “Pietra della pazzia” (Giorgio Tesi Editrice). Gli altri finalisti di questo 2016 erano Marco Beck, Rino Mele e Paride Mercurio. Menzione della Giuria fra gli esclusi dalla fase finale a Donatella Bisutti, che è intervenuta leggendo la poesia “Esilio”.

Anche quest’anno, il giudizio della giuria tecnica (presidente Vincenzo Guarracino, componenti Alessandro Casarin, Andrea Costa, Milo De Angelis e Giuseppe Langella) ha coinciso con quello popolare, almeno per il vincitore. Dopo Piersanti, i più votati dal pubblico sono risultati Rino Mele e Marco Beck.

Piersanti è stato premiato “per la sua capacità di rappresentare la natura nei suoi aspetti terrestri e in quelli leggendari”, come recita la motivazione della Giuria. E il poeta marchigiano, dopo aver ricevuto il PontedilegnoPoesia 2016, ha ringraziato con una dedica particolare al figlio Iacopo, autistico, che “vive al di là delle parole”.

La premiazione si è svolta nel palazzo comunale di Ponte di Legno, sede delle due serate del Premio, ed e’ stata aperta dal saluto del sindaco Aurelia Sandrini, che ha elogiato lo sforzo organizzativo di MirellaCultura, che “arricchisce l’offerta culturale della nostra località per i turisti ma anche per i dalignesi”. Il sottosegretario alla presidenza della Lombardia, Gustavo Cioppa, ha portato il saluto della Regione, rimarcando l’importanza della cultura come “baluardo”.

Anche quest’anno e’ stato anche consegnato il Premio speciale MirellaCultura: per il 2016, il Premio – una scultura di Edoardo Nonelli – e’ stato assegnato alla memoria di Dino Marino Tognali, il “maestro” di Vione, studioso, storico, poeta e politico, che “con la sua multiforme attività – dice la motivazione – ha lasciato un segno profondo nell’Alta Valcamonica” .

A chiusura della manifestazione – che ha avuto applauditissimi intermezzi musicali della violinista Simona Bettoni e del pianista Giancarlo Corna – e’ stato annunciato dal presidente di MirellaCultura, Andrea Bulferetti, che sara’ il fuoco il tema della poesia da inserire nel totem 2017, settimo dell’ideale percorso di Ponte di Legno “paese della poesia”. Una scelta che è nel ricordo dell’ incendio con cui le truppe austriache il 27 settembre 1917 distrussero l’abitato di Ponte di Legno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136