QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: tradizione e divertimento nel “Giuedì de la Mèza e Ruf de la Ecia”. FOTO

venerdì, 4 marzo 2016

Ponte di Legno – Una festa a metà Quaresima: così doveva essere e così è stato nel pomeriggio e serata di ieri. Un evento che ha richiamato in piazza XXVII Settembre di Ponte di Legno (Brescia) centinaia di persone, dalignesi e turisti, e ha fatto rivivere il clima carnevalesco. Nelle foto ©Photo Digital Veclani alcuni momenti della festa del pomeriggio e del rogo in serata.

Bambini, ragazzi, adulti e intere famiglie hanno preso parte all’evento “Giuedì de la Mèza e Ruf de la Ecia” organizzato dagli “Amici della Vecchia” in collaborazione con la Pro loco di Ponte di Legno. L’organizzazione è stata impeccabile con i carri allestiti dagli organizzatori sulle attività e le tradizioni del paese dalignese, ma non solo.

L’evento di metà Quaresima – chiamato anche il “giovedì grasso” – ha richiamato in piazza centinaia di persone: nel pomeriggio il percorso dei carri che hanno sostato nel centro storico, quindi il passaggio alla Casa di Riposo. Poi tanta musica, animazione e merenda in piazza XXVII settembre dove tradizione e divertimento si sono intrecciati nel “Giuedì de la Mèza e Ruf de la Ecia”.

Il clou in serata, quando i carri hanno fatto un giro del paese, partendo dall’oratorio, con tappa finale in piazza XXVII Settembre e nel centro storico. Persone di ogni età in maschera sui carri allegorici e anche a piedi hanno festeggiato come a carnevale. Il clou all’arrivo del corteo con ‘La Vecchia’: in piazza XXVII Settembre la lettura del Testamento e Ruf de la ‘Ecia, con il rogo poco prima delle 22. La serata si è conclusa con l’intrattenimento musicale e vin brulè offerto dagli alpini di Ponte di Legno alle centinaia di persone presenti all’evento. Dalignesi, ma anche tanti turisti, che si sono divertiti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136