QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: speciale lezione dei carabinieri del NOR di Breno e della squadra cinofila di Orio

mercoledì, 25 maggio 2016

Ponte di Legno – Una speciale lezione al CFP Zanardelli di Ponte di Legno Brescia) da parte dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Breno (Brescia). Cinzia Pasina, responsabile del Centro di formazione professionale dalignese, ha illustrato le finalità dell’incontro con i carabinieri del NOR di Breno e della squadra cinofila del Nucleo Cinofilo di Orio al Serio (Bergamo).

Foto cani scuola

L’intervento dei militari era di prevenzione all’uso e spaccio di sostanze stupefacenti da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Breno unitamente ad una squadra cinofila del Nucleo Cinofilo di Orio al Serio come punto di arrivo di un percorso svolto nel corso dell’anno scolastico con allievi, docenti e genitori per sensibilizzare ai rischi derivanti dalla facile disponibilità ed uso di sostanze alcooliche e stupefacenti, nonché da comportamenti a rischio, dannosi per la propria salute e l’integrazione sociale e lavorativa.

Sono state eseguite accurate ricerche in tutto il centro di formazione professionale, dalle aule, agli spazi comuni, dai laboratori alle camere in uso dagli alunni, non trovando traccia di stupefacenti.

Il percorso ha visto un primo incontro di sensibilizzazione con un Medico del Pronto soccorso di Esine (Brescia) che ha affrontato le tematiche “Alcool e droghe” viste come dipendenze e dei relativi effetti collaterali connessi allo sballo del sabato sera con esemplificazioni esplicite di coetanei in stato di coma, alcuni con effetti irreversibili, per l’uso e abuso di sostanze stupefacenti.

Il secondo incontro si è svolto con le forze dell’ordine della Compagnia di Breno, con l’intervento del Maggiore Salvatore Malvaso che ha spiegato le conseguenze giuridiche per l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti ed alcolici quali il divieto di conseguire o utilizzare la patente, l’obbligo di controlli medici periodici, interdizioni dall’esercizio di alcune professioni.

Grazie al contributo delle forze dell’ordine, dei docenti, assistenti e personale non docente della sede di Ponte di Legno, sostiene la dirigente scolastica, “Il C.F.P. “Zanardelli” ha avuto prova dell’efficacia di tale intervento e intende continuare ed estendere il percorso avviato anche alle altre sedi della Provincia affinché i giovani allievi siano educati anche a questo aspetto cruciale del loro benessere, della loro vita di relazione sociale e personale”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136