QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: Giancarlo Giannini per l’evento di punta di Passi nella neve

mercoledì, 5 agosto 2015

Ponte di Legno – ​Grande attesa per il prossimo appuntamento di Passi nella neve che si terrà sabato ​8​ agosto ​alle ​8.30​ a Costa di Casa Madre, Conca della Baracca delle Fortificazioni (​2300​ metri, ​Ponte di Legno)​: ​Giancarlo Giannini in ​Taccuino di un nemico.​ E’ l’evento di punta dell’intera manifestazione.giannini

Non poteva che essere un grande artista come Giancarlo Giannini l’ospite di punta della decima edizione di Passi nella neve – teatro, racconti, voci in Adamello, edizione che coincide con le celebrazioni del Centenario dell’ingresso dell’Italia nella Grande Guerra. Il celeberrimo attore sarà chiamato a officiare il grande “rito laico” che vede da dieci anni centinaia di persone intraprendere il cammino verso il luogo dello spettacolo, compiendo un percorso fianco a fianco nelle prime ore del mattino, con lo sfondo delle trincee e i camminamenti che testimoniano il passaggio e la sofferenza dell’uomo nella tragica esperienza della Prima Guerra Mondiale.

Alla Conca della Baracca delle Fortificazioni di Costa di Casa Madre (Ponte di Legno/Tonale), a un’altitudine di 2.300 metri, alle ore 8.30 del mattino, Giancarlo Giannini reciterà alcuni brani tratti da Taccuino di un nemico di Dario Malini (Mursia Edizioni, 2013).

TACCUINO DI UN NEMICO
Dario Malini, già autore de Il sorriso dell’obice, il libro da cui è stata tratta la lettura di Luca Zingaretti per l’edizione scorsa di Passi nella neve, ha acquistato, sul banco di un antiquario di Fürth, i documenti che hanno permesso di comporre questo testo. Si tratta di alcune lettere, di molti fogli sparsi e di qualche immagine che compongono il diario di guerra di Otto, soldato tedesco di religione ebraica appartenente al 125° reggimento di fanteria Kaiser Friedrich, 7° Württemberg, che racconta i terribili anni di guerra su molti fronti. La scrittura coinvolgente di questo ragazzo permette di osservare da vicino molte delle più importanti battaglie della Prima Guerra Mondiale. In un anno importante come il 2015, la riflessione portata avanti da Passi nella neve intende dunque superare i confini nazionali e ampliare la propria prospettiva ai fronti internazionali sui quali la guerra si è combattuta.

La narrazione riportata nel taccuino prende l’ʹavvio con le pagine palpitanti dedicate alla grandiosa operazione della battaglia delle Frontiere che, nell’agosto del 1914, diede l’avvio alle sanguinose operazioni che dovevano palesare quanto irrealistica fosse l’auspicata “guerra lampo” su cui i generali e gli strateghi tedeschi facevano grande affidamento. Più avanti, Otto testimonierà le drammatiche giornate della battaglia della Somme, offensiva inglese sul fronte occidentale tra luglio e novembre del 1916, che, pur non generando alcun mutamento sostanziale nell’economia della guerra, determinò una vera e propria carneficina in entrambi gli schieramenti. Otto viene poi trasferito in Italia, in appoggio all’esercito austriaco e partecipa alla XII battaglia dell’Isonzo, ovvero la battaglia di Caporetto. Infine, il diario prosegue con l’intensa descrizione dell’ultimo grande e infruttuoso sforzo offensivo tedesco della Grande Guerra, la cosiddetta Offensiva di primavera. Una narrazione intensa e palpitante che procede senza sostanziali interruzioni dall’8 agosto 1914 (esattamente a 101 anni di distanza dal momento in cui Giancarlo Giannini ne farà una lettura teatrale) all’11 novembre 1918, e che offre struggenti contrasti tra i paesaggi di guerra e quelli di una prepotente natura: le terribili realtà del fronte in opposizione agli squarci di vita che sbocciano in mezzo all’orrore. Una cronaca che apre inediti spiragli sull’ambiguo rapporto esistente tra tedeschi ed ebrei: alla fine della guerra, Otto, sopravvissuto, incede stremato, ma pieno di fiducia, verso quella che invece sarà la Germania degli orrori.

GIANCARLO GIANNINI
Attore tra i più dotati e apprezzati del panorama italiano, Giancarlo Giannini ha alle spalle una ricchissima carriera, durante la quale ha interpretato un’ʹinfinita carrellata di personaggi diversissimi tra loro, grazie alla sua straordinaria versatilità. La sua carriera cinematografica si consolida grazie al sodalizio con Lina Wertmüller, da cui nascono alcune delle sue interpretazioni più celebri e intense, come il Tunin di Film d’ʹamore e d’ʹanarchia (1973), il marinaio Gennarino di Travolti da un insolito destino nell’ʹazzurro mare d’ʹagosto (1974), l’ʹoperaio Mimì di Mimì metallurgico ferito nell’ʹonore (1972) e soprattutto quel Pasqualino Settebellezze (1975) che gli vale una nomination all’ʹOscar come miglior attore protagonista. Nello stesso periodo, forma con Mariangela Melato una delle coppie più divertenti della commedia italiana e lavora, durante la sua lunga carriera, con alcuni tra i maggiori registi italiani, tra cui Luchino Visconti, Sergio Corbucci, Mario Monicelli, Dino Risi. Molte le sue incursioni nel cinema americano, da Il segreto di Santa Vittoria (1969) diretto da Stanley Kramer, passando per New York Stories di Coppola (1989), a Il profumo del mosto selvatico di Arau (1995), al ruolo del commissario Pazzi nell’ʹHannibal di Ridley Scott (2001), a Man on Fire di Tony Scott (2005), oltre ai film della saga di 007 Casino Royale (2006) e Quantum of Solace (2008). Oltre al teatro, al cinema e alla fiction televisiva, Giancarlo Giannini è anche un eccellente doppiatore: tra i tanti volti cui ha prestato la sua voce, vanno ricordati Al Pacino, Michael Douglas, Dustin Hoffman, Gérard Depardieu e Jack Nicholson.

MALTEMPO
In caso di maltempo, la manifestazione verrà posticipata alle ore 11.00 presso il Palazzetto dello Sport di Ponte di Legno.

Per partecipare all’appuntamento è necessario munirsi di coupon gratuito ritirabile presso:

• Pro Loco Ponte di Legno Corso Milano, 37 331 7148895
• Passo Tonale Uff. Informazioni via Nazionale 0364.903838
• Vermiglio (Tn) Ufficio Informazioni c/o Polo Culturale del Comune di Vermiglio 0463.758200 • Temù Info Point via Roma, 36 0364.94152
• Vezza d’Oglio Proloco via Nazionale 0364.76131
• Edolo IAT piazza M. della Libertà 0364.71065
• Capo di Ponte Infopoint Via Nazionale 1 -­‐‑ 0364.42104
• Breno Edicola Edibi via Giuseppe Mazzini 39 0364.21026
• Esine Cartolibreria Lori – via A. Manzoni 32 -­‐‑ 0364.360303
• Darfo B. T. Edicola Sigala/Capitanio via S. Martino 49 -­‐‑ 0364.530799
• Iseo Lalibreria via Duomo, 2 -­‐‑ 030.9822003
• Sarezzo High Dimension Disk via De Gasperi, 4 -­‐‑ 030.800624
• Brescia Libreria Einaudi via Pace, 16/A -­‐‑ 030.3757409
• Salò Biblioteca Civica via Fantoni, 49 -­‐‑ 0365.20338
• Vobarno Biblioteca “ʺLa Pigna”ʺ Piazza M. Corradini, 6 -­‐‑ 0365.597618

COME RAGGIUNGERE LA CONCA DELLA BARACCA
La Conca della Baracca delle Fortificazioni a Costa di Casa Madre è raggiungibile da Ponte di Legno (piazzale Cida) prendendo la cabinovia Ponte di Legno/Tonale (andata/ritorno 9 euro, tempo di percorrenza circa 15 minuti) e scendendo al capolinea del Tonale. Da lì, portarsi verso la Chiesetta dei Frati del Tonale (m. 1800 circa) e poi seguire il sentiero indicato, successivamente il segnavia bianco/rosso. Percorso di difficoltà medio/bassa; tempo stimato di percorrenza 1 ora e 50 minuti. Non sono previsti punti ristoro. Per il raggiungimento del luogo di spettacolo, vale la responsabilità personale. Il terreno della Costa di Casa Madre non consente di disporre sedie. Il pubblico dovrà accomodarsi sulla superficie prevalentemente rocciosa. Si segnala inoltre per il pubblico la possibilità di raggiungere Costa di Casa Madre dal Tonale in elicottero. Non si effettuano prenotazioni, servizio con pagamento in loco al costo di 70€ andata/ritorno per persona oppure 40€ per persona a tratta.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI DI PASSI NELLA NEVE
Passi nella neve proseguirà poi con le narrazioni in cammino: con Davide Sapienza lunedì 10 agosto da Gussano di Vezza d’Oglio a Cima Rovaia e mercoledì 12 agosto da Ponte di Legno al Passo del Tonale, poi in funivia fino a Passo Paradiso verso l’attacco del Sentiero dei Fiori ai piedi meridionali della Punta del Castellaccio; martedì 18 agosto con Roberto Mantovani dal Passo del Tonale al Passo dei Contrabbandieri fino al Montozzo; domenica 23 agosto con Franco Michieli da Temú alle Bocchette di Val Massa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136