QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: ripresa l’attività di taglio piante a lato della strada statale 42 del Tonale

giovedì, 21 aprile 2016

Ponte di Legno (Al. Pa.) – Proseguono i lavori di taglio piante a lato della statale 42 del Tonale, tra Ponte di Legno e la zona dell’ex Colonia dei vigili del fuoco. Dopo la stagione invernale, dove il Consorzio Forestale dell’Alta Valle Camonica aveva sospeso l’attività di taglio piante, sono ripresi a pieno regime gli interventi e in questi giorni l’attività è concentrata tra il secondo e il quinto tornante. I disagi al traffico sono limitati, le interruzioni sono nell’ordine dei 5 – 10 minuti, il tempo di rimuovere larici e abiti finiti sulla sede stradale (Nella foto).

tonale strada taglio piante

Il servizio di controllo e sicurezza sulla strada del Tonale viene effettuato dalla Polizia Provinciale – il distaccamento di Berzo Demo – che interviene per bloccare e deviare il traffico, garantendo la massima sicurezza.

L’intervento sulla statale del Tonale proseguirà per alcuni giorni, per poi concludersi. Il Consorzio Forestale dell’Alta Valle Camonica ha in carico altri intervento sulla statale 42. Infatti l’Anas, in qualità di concessionaria della gestione della rete stradale, ha formalizzato al Comune di Ponte di Legno, ma anche agli altri (Temù, Vezza d’Oglio, Incudine, Edolo e Malonno) la richiesta di invitare i proprietari dei terreni interessati dalla caduta piante e vegetazione sulla statale 42 alla rimozione.

L’abbattimento riguarda gli alberi che si protendono entro una fascia di circa 10 metri e secondo l’Anas “la larghezza deve essere pari all’altezza degli alberi, in modo da evitare il pericolo di caduta sulla pubblica via nel caso di sradicamento della pianta o di rottura di rami”.

passo Tonale taglio piante 1_mini

Il piano di abbattimento ha ottenuto il benestare della Comunità Montana di Vallecamonica e dei Comuni interessati nel 2015, quando sono stati effettuati i primi interventi. Il servizio è stato affidato al Consorzio Forestale, che potrà trattenere il legname, a titolo di ristoro delle spese sostenute.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136