QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tra immagini e ricordi, Ponte di Legno non dimentica l’incendio del 27 settembre 1917. Photogallery

martedì, 27 settembre 2016

Ponte di Legno – Una data è segnata “in grande” sul calendario dei dalignesi e del Comune di Ponte di Legno: è l’incendio del 27 settembre 1917. Il secolo di quel drammatico evento sarà ricordato in modo particolare il prossimo anno in occasione del Centenario, nel frattempo l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Aurelia Sandrini e i dalignesi ricordano oggi quel tragico episodio.

Il pensiero torna all’intervista del 1970 del giornalista Tamagnini all’ufficiale che diede l’ordine di aprire il fuoco su Ponte di Legno: “….l’ordine di iniziare il bombardamento venne verso le 11 del 27 settembre e poco dopo si scatenò l’inferno. Era come se la montagna tremasse. Seppi poi, dai bollettini dell’alto comando, quali erano state le conseguenze della nostra azione. Sporca ed inutile guerra….”.

Purtroppo non c’erano mezzi adeguati per affrontare l’incendio di molte abitazioni e nel giro di poche ore il paese venne fatto bruciare e tutto raso al suolo. Dopo la fine delle ostilità il paese dalignese avviò il piano di ricostruzione che terminò il 3 settembre 1922 con la presenza in paese di Vittorio Emanuele III. In seguito in data 4 luglio 1929 il Re con un suo decreto concedette lo stemma al Comune.

La piazza principale del paese si chiama appunto piazza XXVII Settembre, e venne dedicata per ricordare l’evento in occasione delle celebrazioni del cinquantesimo anniversario, data in cui venne anche inaugurato il monumento di Maffeo Ferrari collocato in prossimità del municipio.

Nel calendario del 2017, con la supervisione dell’artista camuno Edoardo Nonelli, saranno scelte alcune foto, legate a quel tragico episodio. Come ogni anno il calendario è dedicato a fatti che hanno segnato la storia del paese, giungendo fino alla sesta edizione della collana “Frammenti di storia dalignese”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136