QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Ponte di Legno, ordinanza anti-botti del sindaco Sandrini: multe per chi non rispetta il divieto

giovedì, 24 dicembre 2015

Ponte di Legno – Il sindaco di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini, ha firmato oggi un’ordinanza con il divieto di accensione di roghi e lancio di fuochi d’artificio sull’intero territorio dalignese.

Nell’ordinanza il primo cittadino dalignese sostiene: “Visto il perdurare della siccità nel territorio comunale, e verificata la necessità di assicurare la massima tutela e prevenzione dal rischio di incendi, viene vietata, su tutto il territorio comunale, l’accensione di fuochi, di lanci di fuochi d’artificio, di sparo di petardi, di scoppio difuochi artificiali mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici nonché il lancio di mozziconi di sigarette dagli impianti di risalita, fino al cambiamento delle condizioni climatiche con copertura nevosa al suolo di almeno 20 centimetri”.

Nell’ordinanza urgente il primo cittadino di Ponte di Legno (Brescia) parte dalla considerazione che “in questo periodo è consuetudine effettuare l’accensione e il lancio di fuochi d’artificio, spari di petardi, mortaretti, razzi e artifici pirotecnici che – vista la situazione di siccità – potrebbe incidere sulla sicurezza degli impianti di risalita, pendici montuose, fauna che la popolano, le zone boschive e gli edifici oltre il perimetro dei centri abitati” e indica l’obiettivo di “assicurare la massima tutela e prevenzione del rischio incendi”.

trasgressori dell’ordinanza – secondo quanto previsto dalla legge e ricordato dal sindaco Sandrini – va da una sanzione da 50 a un massimo di 500 euro. Il primo cittadino ha inviato l’ordinanza a tutti gli enti e forze di polizia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136