QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: omaggio ai caduti della montagna e Santa Messa del vescovo Beschi

venerdì, 14 agosto 2015

Ponte di Legno – Omaggio ai caduti della montagna con la Santa Messa celebrata dal vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, con accanto monsignor Claudio Delpero e monsignor Enrico Tosi.

In una serata tersa con la scenografia del Castellaccio alle spalle al buio si è svolta alla base del Soccorso Alpino di Ponte di Legno (Brescia) la tradizionale celebrazione con la presenza di almeno trecento persone, tra cui il sindaco Aurelia Sandrini, l’artista camuno Edoardo Nonelli, quindi il Soccorso Alpino con lo storico presidente Bepi in prima fila, il gruppo degli Alpini con tanto di cappello e penna nera (Nella foto alcuni momenti della serata con la benedizione del vescovo Beschi dell’opera ai caduti della montagna, l’incontro tra l’albergatore Andrea Bulferetti e il vescovo, i tecnici del Soccorso Alpino e il vescovo, quindi il maestro Giancarlo Corna e il giovane Fabiano)..

La Santa Messa è stata accompagnata dalla musica del maestro Giancarlo Corna e del giovane trombettiere Fabiano.

Il vescovo di Bergamo ha introdotto la celebrazione ricordando “i Caduti in montagna e i Caduti della Prima Guerra Mondiale”.

Monsignor Francesco Beschi è andato oltre durante l’omelia con un paragone tra “la durezza delle montagne, la tenerezza del cuore e il coraggio”.

Il vescovo di Bergamo ha anche parlato della recente esperienza e visita in Bolivia a un sacerdote orobico che da 40 anni è in missione e svolge l’attività pastorale tra i minatori di quel Paese. “Paragono un po’ il loro coraggio con il vostro – ha detto il vescovo -, in particolare quello di scalare le montagne”.

Ponte di Legno messa Soccorso Alpino 1

Al termine della celebrazione è stata inaugurata l’opera artistica dedicata “Ai caduti della Montagna” e i responsabili del Soccorso Alpino di Ponte di Legno hanno sottolineato il significato della serata, mentre un fascio di luce era ben visibile diretta in direzione Capanna Lagoscuro.

Il monumento benedetto al termine della Santa Messa e’ opera dell’artista Guglielmo Bertarelli, in arte El Duca. È stato donato per amore figliale in ricordo di Omobono Bulferetti ma in memoria di tutti i caduti della prima guerra mondiale. Dovrà trovare degna collocazione.

Il sindaco Aurelia Sandrini ha poi ringraziato il vescovo di Bergamo per essere salito a Ponte di legno nel tradizionale appuntamento di metà agosto. La serata si è conclusa con canti tipicamente di montagna, in particolare con “Signore delle cime”.Ponte di Legno Monsignor Beschi


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136