QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: in centinaia per gli antichi mestieri nel centro storico. PHOTOGALLERY

domenica, 3 gennaio 2016

Ponte di Legno – Centinaia di persone hanno assistito e seguito il percorso dell’evento “I mester de ‘na ‘olta“, con la rievocazione degli antichi mestieri dalignesi in via IV novembre. La manifestazione, organizzata in modo magistrale dalla Pro Loco di Ponte di Legno (Brescia), ha colto nel segno e centinaia di turisti e dalignesi sono rimasti entusiasti della riproposizione degli antichi mestieri dell’Alta Valle Camonica.

 

Mestieri che fanno parte della tradizione di Ponte di Legno (Brescia) ma che vengono riproposto anche dalle nuove generazioni, soprattutto quelli legati all’attività negli alpeggi e lavorazione del latte, presentato da Andrea Bezzi, titolare dell’azienda agricola bio di Ponte di Legno, o anche quelle del falegname e fabbro, che resistono nel tempo.

Il viaggio, coi mestieri che hanno rappresentato la storia della terra dalignese, è iniziato con la lavorazione artigianale e l’esposizione di cesti in vimini. Immediata la tappa alla lavandaia e alla filatura della lana, e la lavorazione a maglia.

Il percorso è proseguito con la tappa al “Caseat”, per la lavorazione del salame. All’esterno i visitatori hanno poi assaggiato pane e salamella e accanto c’era anche la distribuzione del vin brulè, entrambi offerti dagli organizzatori.

Proseguendo nei vicoli, in cantine e capanne in legno appositamente allestite in via IV Novembre sono state rappresentate la lavorazione del fabbro e la lavanderia. In un angolo di via IV Novembre uno spazio era dedicato alla lavorazione del latte e del formaggio con una dimostrazione dal vivo del titolare dell’azienda agricola Andrea Bezzi. Prima della conclusione – prima della chiesa parrocchiale – i pastori, i contadini e l’attività del panettiere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136