QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: il caseificio Bezzi nel cuore della conca del Montozzo. Bezzi: “Prodotti di qualità”. VIDEO

domenica, 17 luglio 2016

Ponte di Legno – Una meta fissa di turisti ed escursionisti nella conca del Montozzo, sopra Case di Viso, è l’azienda agricola “Bezzi”. I visitatori si fermano, chiedono informazioni sulla produzione di formaggi in alta quota, assaggiano e acquistano il formaggio tipico dell’Alta valle Camonica. “Sono tre i formaggi che vengono prodotti in questa valle – spiega Andrea Bezzi, presidente dell’Azienda agricola Bezzi di Ponte di Legno - e sono: Case di Viso, Tonalina e Silter“.

Il viaggio nella produzione dei tre formaggi viene raccontato da Andrea Bezzi: “Da inizio giugno l’attività – racconta – si trasferisce da Ponte di Legno qui a Case di Viso dove vengono portate le mucche negli alpeggi. Qui il pascolo è sicuramente migliore e i risultati si vedono nella qualità dei formaggi“.

Andrea Bezzi - Case di Viso

L’ATTIVITA’ E IL SILTER DOP

Inizia all’alba – prosegue Andrea Bezzi – e si conclude a sera tardi: le mucche sono al pascolo in quota, nella zona del Bozzi, e ogni mattina li raggiungo per la mungitura“. Poi? “Il latte fresco – continua – viene messo in lavorazione”.

Dopo alcune ore si conclude la lavorazione con la preparazione dei formaggi tipici della zona, in particolare Case di Viso, Tonalina e Silter. La novità è stata la certificazione e nelle ultime settimane è stata marchiata la prima forma di formaggio Silter DOP, alla presenza oltre che dei produttori anche delle autorità di CSQA, in qualità di Ente Certificatore riconosciuto dal Ministero, per la verifica della corrispondenza delle produzioni rispetto al Disciplinare Approvato e relativo Piano dei Controlli.

Il marchio a fuoco è costituito dalla scritta “SILTER” a forma di arco con al centro la scritta D.O.P., con un’incisione rupestre riportante una scena di aratura e delle stelle alpine. Il logo identificativo è impresso a fuoco su una faccia del formaggio non prima di 100 giorni dalla data di produzione. “Inizia di fatto una nuova era per le aziende agricole camune ed è stato centrato un grande risultato“, conclude Andrea Bezzi.

VIDEO


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136