QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno ha ricordato il bombardamento e l’incendio di un secolo fa. VIDEO

mercoledì, 27 settembre 2017

Ponte di Legno – E’ iniziata pochi minuti dopo le 10 la giornata celebrativa del drammatico bombardamento di Ponte di Legno (Brescia), avvenuto il 27 settembre 1917. Il “centenario” di quella tragedia che distrusse il paese dell’Alta Valle Camonica ha riunito la popolazione camuna e le autorità in piazzale Europa con alzabandiera e deposizione della corona al monumento in piazzale Europa. Il momento conclusivo delle giornata celebrativa del 27 settembre si è poi tenuto in serata con la rievocazione della tragedia e lo spettacolo a cura di Luigi Ottoni (‘Quelle lacrime non piante’) al Palazzetto dello Sport.

Presenti il sindaco di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini; i primi cittadini di Recco, Dario Capurro; Vezza d’Oglio, Giovanni Maria Rizzi; di Temù, Robero Menici; Vione, Mauro Testini; il vicepresidente della Provincia di Brescia, Andrea Ratti, il prefetto di Brescia, Annunziato Vardé, il Tenente Colonnello Salvatore Malvaso, comandante della Compagnia di Breno, il comandante dell’Aliquota Radiomobile Compagnia carabinieri di Breno, Devis Kaswalder, il comandante della stazione carabinieri di Ponte di Legno, Federico Geri, e carabinieri delle stazioni di Vezza d’Oglio, il comandante della Tenenza della Finanza di Edolo, Massimo Caloro, rappresentanti dell’Esercito e delle associazioni in particolare dei gruppi alpini dell’Alta Valle Camonica e della sezione Ana Valcamonica, gli studenti delle scuole di Ponte di Legno e i cittadini.

PIAZZA XXVII SETTEMBRE - Dopo la cerimonia dell’alzabandiera, il presentatore Francesco Gheza, giornalista, ha illustrato i motivi della giornata e i legami tra Ponte di Legno e Recco. Quindi il trasferimento in piazza XXVII Settembre dove si è tenuta la cerimonia ufficiale, con gli interventi delle autorità, in particolare del sindaco Aurelia Sandrini che ha ricostruito il dramma di cent’anni fa e sottolineato l’ospitalità dei paesi vicini, evidenziando “Con la ricostruzione è stata ridata dignità a questa terra”.

Sono poi intervenuti il vicepresidente della Provincia di Brescia, Andrea Ratti, e il prefetto di Brescia, Annunciato Vardè. Poi la presidente della Pro loco, Elena Veclani ha inaugurato il percorso “Pontedilegno, bombardata e risorta”. La Messa nella chiesa parrocchiale e la visita alla “mostra del Centenario” all’ex scuola materna Regina Elena ha concluso la mattinata.

VIDEO


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136