QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno, furto aggravato: tre persone denunciate dai carabinieri. Blitz anche a Darfo

giovedì, 7 dicembre 2017

Ponte di Legno – A Ponte di Legno (Brescia), i Carabinieri della locale Stazione, a conclusione di un’attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà per furto aggravato in concorso due italiani 25enni residenti a Brescia e un albanese 32enne residente a Bovezzo.

carI tre giovani, a inizio settimana, all’interno del palaghiaccio di Temu’ e nella biglietteria Centrale di Adamello Ski, previa effrazione delle porte di ingresso e la neutralizzazione degli allarmi, hanno asportato la somma complessiva in contanti di circa 300 euro e un hard disk della telecamera a circuito chiuso, dileguandosi. L’attività dell’Arma ha consentito di risalire ai tre giovani e, nel corso della successiva perquisizione in casa di uno degli indagati, di rinvenire la refurtiva e alcuni oggetti atti allo scasso.

DARFO BOARIO TERME – QUATTRO PERSONE DENUNCIATE PER RICETTAZIONE IN CONCORSO DAI CARABINIERI

car2A Darfo Boario Terme (Brescia), i Carabinieri della locale Stazione, a conclusione di un’attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà per ricettazione in concorso un 56 enne italiano, residente nella cittadina, un 77enne italiano residente a Piancogno, una 38enne italiana residente a Piancogno e un 40 enne senegalese residente a Piancogno.

A seguito di una denuncia di furto di 42 kg di barre di rame da parte di personale di una società bresciana, i militari hanno rinvenuto il materiale presso una ditta di autodemolizioni di Darfo Boario Terme e lo hanno restituito ai legittimi proprietari.

Nel corso delle operazioni sono stati rinvenuti anche 2.700 chili di cavi di rame già sfilati (del valore commerciale di 10mila euro circa), di cui sono in corso accertamenti per stabilirne la provenienza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136