QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno, bagno di folla per Salvini: “Stop agli immigrati, più sicurezza e potere ai sindaci”

mercoledì, 16 agosto 2017

Ponte di Legno – Secondo copione e tradizione: giornata in Alta Valle Camonica per Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, con bagno di folla in centro, soprattutto nella tappa in piazza XXVII Settembre a Ponte di Legno e in serata al Palazzetto dello Sport è stato intervistato dal giornalista Marco Bencivenga, affrontando i grandi temi politici, dall’immigrazione all’Unione Europea, dalla legge elettorale alla cacciata di prefetti e al maggior potere ai sindaci.

La scritta “Salvini premier. Idee, cuore e coraggio. Andiamo a governare” capeggiava dietro al palco allestito al Palazzetto dello Sport di Ponte di Legno, gremito come ai tempi d’oro della Lega del senatur Umberto Bossi. Il popolo leghista ha sottolineato con applausi i diversi passaggi, in particolare quello sull’immigrazione. “Faccio il tifo – ha detto Salvini – per quella parte di chiesa che vorrebbe spendere i soldi, che buttiamo via qua, per costruire scuole, pozzi e ospedali in Africa, per non farli scappare da casa loro. Invece c’è un’altra parte che sfrutta”. Il segretario della Lega ha affermato: “Non si può più dire o parlare di migranti o richiedenti asilo o profughi, ma di clandestini, perché quello sono”.

Sulla sicurezza Matteo Salvini ha ribadito una frase detta in passato: “Quando andremo noi al governo, daremo a polizia e carabinieri, nel rispetto della legge, mano libera per garantire sicurezza alle nostre città”.

Capitolo legge elettorale: “Avrei preferito il maggioritario, perché penso che la sera del voto si debba sapere chi governerà nei successivi cinque anni. Se maggioritario non sarà, che almeno ci sia un premio alla coalizione a rendere la situazione meno incerta”, è il concetto espresso dal segretario della Lega, che ha poi chiuso la porta al ritorno di “Alfano e dei poltronari vecchia maniera”.

Salvini Ponte di Legno 1

Sulle scelte politiche ha indicato una linea: “Abbiamo il dovere di cancellare i prefetti, cancelliamoli uno per uno e diamo pieni poteri ai sindaci”. Ha poi concluso sulla questione europea: “Voglio guidare un governo che difenda gli interessi degli italiani, ignorando le regole assurde che arrivano da Bruxelles, da Berlino o da Francoforte”.

Al termine dell’incontro-intervista al Palazzetto dello Sport Matteo Salvini ha incontrato i militanti e gli amministratori camuni e del Bresciano della Lega Nord.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136