QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: accolti i primi profughi, ma in paese crescono i malumori

mercoledì, 16 novembre 2016

Ponte di Legno – L’arrivo dei primi profughi divide la località dell’Alta Valle Camonica. L’appartamento messo a disposizione per accogliere i profughi è stato trovato in tempi brevissimi. Tutti disponibili e quattro sono stati assegnanti a Ponte di Legno e tre a Temù.

Fanno parte del progetto di micro ospitalità che ha coinvolto la Comunità Monta Valle Camonica e che ha visto la regia del prefetto di Brescia. Il progetto prevede l’assegnazione di profughi in proporzione alla popolazione. I primi arrivi erano stato a Darfo, intervento coordinato dalla Caritas, quindi sono stati assegnati in altri paesi della valle (Nella foto i primi arrivi in Bassa Valle Camonica).

Profughi Darfo

La presenza di immigrati ha comunque sollevato qualche malumore tra i dalignesi e non sono mancate nelle ultime ore telefonate in Comune e al parroco don Giuseppe, per chiedere informazioni. Da qui si scopre che anche in alta Valle Camonica – come in altre parti d’Italia – la solidarietà è accolta positivamente, ma solo se la fanno gli altri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136