QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valle Camonica: nei guai un tunisino per spaccio, brasiliano arrestato dai carabinieri per rapina e tentato omicidio

sabato, 3 dicembre 2016

Pisogne – Un arresto dei carabinieri per tentato omicidio e rapina. L’altra notte a Pisogne (Brescia), i carabinieri della stazione di Artogne (Brescia) in collaborazione con altri militari delle stazioni di Piancogno (Brescia) e Lovere (Bergamo), hanno tratto in arresto D.A.A.J. 43 enne cittadino brasiliano, pregiudicato, tossicodipendente, transessuale dedito al meretricio, irregolare sul territorio nazionale, domiciliato a Pian Camuno, per i reati di tentato omicidio, aggravato dalla premeditazione dei futili motivi, a scopo di rapina. L’uomo, all’interno di un esercizio pubblico di Pisogne, aggrediva la titolare D.A. 57 enne di Pian Camuno colpendola ripetutamente in varie parti del corpo con un paio di forbici.

La vittima che è riuscita a sottrarsi all’aggressione, è fuggita in strada chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine. Soccorsa e trasportata presso l’ospedale di Lovere è stata riscontrata affetta da varie ferite superficiali da taglio, giudicata guaribile in 20 giorni e dimessa. Dopo un controllo al proprio locale si è accorta dell’ammanco della somma di 250 euro che era custodita nel registratore di cassa al momento dell’aggressione.

carabinieri

L’uomo è stato successivamente rintracciato dai militari che lo hanno tratto in arresto, all’interno del pronto soccorso dell’ospedale di Esine dove si era portato per farsi curare le lievi escoriazioni che si era procurato durante l’aggressione. Nella mattinata di ieri l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto, riconoscendo tutti capi d’accusa e le aggravanti disponendo nei suoi confronti la permanenza in carcere.

SPACCIO, UN ARRESTO A PIANCOGNO 

A Piancogno, i carabinieri del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile, nel corso di uno specifico servizio, hanno tratto in arresto H.M. 23enne cittadino tunisino, pregiudicato, irregolare sul territorio nazionale, domiciliato a Piancogno per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il giovane, già sottoposto al regime degli arresti domiciliari per reati in materia di stupefacenti, è stato sorpreso mentre cedeva delle dosi di stupefacente del tipo cocaina ad un giovane acquirente del luogo. Nel corso delle successive perquisizioni personale e locale, sono stati rinvenuti 4 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, suddivise in tre dosi, la somma di 240 euro ritenuta provento dell’attività di spaccio e un bilancino elettronico di precisione. Nella mattinata di ieri l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto disponendo nei suoi confronti la misura degli arresti domiciliari. L’acquirente verrà segnalato quale assuntore di stupefacenti agli enti competenti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136