QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pisogne, scoperta dalla Finanza un’azienda camuna che ha evaso al fisco 10 milioni. Denunciato 40enne

mercoledì, 3 agosto 2016

Pisogne – Un’azienda specializzata della Valle Camonica in meccanica evade il fisco per oltre 10 milioni di euro. Gli uomini della Tenenza della Guardia di Finanza di Pisogne hanno scoperto un’azienda camuna che, mediante il fraudolento utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, ha evaso al fisco oltre 10 milioni di euro omettendo di versare I.V.A. per oltre 2 milioni di euro.
117

Le attività di verifica fiscale eseguita nei confronti di una società operante nel settore della fabbricazione di prodotti meccanici, in particolar modo di pompe e compressori, hanno sin da subito permesso di individuare che dai conti risultavano numerosi e consistenti “anomali” prelevamenti di denaro contante. Le Fiamme Gialle hanno pertanto provveduto a porre in essere specifici accertamenti attinenti l’analisi dei bilanci annuali e delle scritture contabili e l’esecuzione di numerosi “controlli incrociati” nei confronti delle società in rapporto economico e d’affari.

Gli accertamenti espletati hanno evidenziato, per la società camuna, una “sconcertante realtà fiscale”. In particolar modo, è risultato che, sin dall’anno 2012, gli acquisti di beni e dei servizi venivano “giustificati” e ufficialmente “documentati” con fatture che erano state emesse da aziende cessate già da diversi anni oppure che operavano in settori completamente diversi da quelli per cui risultavano avere reso le prestazioni, ovviamente totalmente ignare di tali rapporti d’affari.

Di conseguenza, riscontrata l’inesistenza oggettiva di acquisti di beni e servizi, i Finanzieri pisognesi hanno recuperato a tassazione gli ingenti costi documentati e risultati falsi e la relativa imposta sul valore aggiunto illecitamente detratta. Al termine degli approfondimenti operativi, B.M., quarantenne di origini bergamasche, amministratore della società, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per aver presentato per gli anni d’imposta dal 2012 al 2015 dichiarazioni “fraudolente” utilizzando fatture per operazioni inesistenti.

L’evasione produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza fra imprese e danneggia le risorse economiche dello Stato, accrescendo il carico fiscale per i cittadini onesti.

Chi utilizza fatture false e pone in essere sistemi di frode fiscale, non è un contribuente in difficoltà ma un “criminale fiscale” che sottrae alla collettività importantissime risorse per i servizi, lo sviluppo e la crescita economica del Paese.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136