QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Periodo d’oro per i cercatori di funghi in Valle Camonica e Valtellina. Le regole

martedì, 12 settembre 2017

Corteno Golgi – E’ tempo di funghi in Valle Camonica, Valtellina e Orobie. Dopo il gran caldo e la pioggia dei giorni scorsi sono spuntati i funghi. I cercatori puntano sulle aree tradizionali e nelle prossime giornate il bottino è previsto un ricchissimo bottino.

I permessi per la raccolta si possono acquistare in esercizi pubblici e il tipo di permesso varia tra giornaliero, settimanale e mensile. Sono inoltre previsti controlli e i cercatori di funghi dovranno esibire un documento di identità, per chi risiede in Valle Camonica e quindi è esentato, oppure esibire la ricevuta di avvenuto pagamento con il giorno o il periodo di riferimento.

funghi

In Valle Camonica, soprattutto tra Breno, Edolo, Corteno Golgi, Vezza d’Oglio e Ponte di Legno, ma anche ad Aprica e Valtellina il popolo dei cercatori di funghi si mette in moto alle prime luci dell’alba per trovare i prelibati porcini.

Migliaia di appassionati, super esperti o anche persone alle prime armi si alzano di buon mattino e si addentrano nei boschi alla ricerca dei funghi. Secondo gli esperti la pioggia e il tasso di umidità del terreno stanno favorendo la fioritura dei miceti. In passato la stagione ideale era tra metà agosto-inizio settembre, quest’anno c’è stato un leggero ritardo.

E’ importantissimo utilizzare il servizio gratuito di consulenza micologica che viene effettuata da esperti micologi in alcuni giorni della settimana. I consigli degli esperti, su qualità e commestibilità dei funghi, è importante soprattutto quando si hanno dei dubbi. Il tutto per una ricerca di funghi in tranquillità, anche per chi non è esperto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136