QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pellegrinaggio della Misericordia: più di 150 fedeli in viaggio da Bienno a Brescia. Racconto e foto

martedì, 19 aprile 2016

Bienno – Un grande pellegrinaggio, quello che si è svolto nell’ultimo fine settimana, organizzato da don Battista Dassa, sacerdote molto conosciuto in Valle Camonica. Uno di quegli appuntamenti che toccano nel cuore i pellegrini e chi li accoglie o li incontra sul cammino.

 

Il secondo pellegrinaggio della Misericordia del 2016 ha preso il via da Bienno venerdì scorso dopo la Santa Messa nella chiesa dell’Eremo e si è concluso domenica pomeriggio in cattedrale a Brescia. Ha coinvolto complessivamente oltre 150 pellegrini, con la maggior parte dei fedeli che hanno effettuato l’intero percorso e alcuni che si uniti al gruppo durante il viaggio dalla Valle Camonica a Brescia.

Due le tappe: a Pisogne venerdì sera e dalle suore operaie di Villa San Giuseppe di Fantecolo la sera successiva. L’accoglienza semplice a Pisogne in stile pellegrino con la pastasciutta che Adriano – un pellegrino – ha preparato con l’aiuto di altri fedeli nella serata di venerdì è stata anche l’occasione per rinsaldare rapporti e amicizia.  Il percorso della prima giornata è stato di 26 chilometri, con pernottamento all’oratorio di Pisogne. Durante la serata – sempre all’oratorio di Pisogne – è stata presentata un’iniziativa di solidarietà.

La seconda giornata ha visto i pellegrini percorrere il tragitto da Pisogne a Villa San Giuseppe di Fantecolo e, dopo 30 chilometri, hanno raggiunto la casa delle Suore Operaie. Qui i pellegrini hanno vissuto un’esperienza di condivisione.

La terza giornata i pellegrini da Villa San Giuseppe hanno raggiunto Brescia. Durante i tre giorni – come ha sottolineato don Battista Dassa – “ci sono stati momenti di riflessione e di preghiera durante le varie soste e l’iniziativa di solidarietà a sostegno del centro nutrizionale dell’ospedale di Bukavu in Congo”. Nei tre giorni il contribuito raccolto è stato 1.200 euro che, sommati ai 540 del primo pellegrinaggio a Cevo, arrivano a 1.740 euro.

Dopo circa 90 chilometri, con l’ingresso nella Porta Santa della cattedrale di Brescia e dopo il toccante saluto di Don Alfredo, parroco della cattedrale, è stata celebrata la Santa Messa. Don Dassa ha concluso con queste parole: “Grazie di cuore, queste occasioni di cammino della vita, se pur faticoso, riempie di sole “dentro” e fuori”. E adesso si guarda al terzo pellegrinaggio della Misericordia, in programma sabato 28 maggio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136