QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Passo Tonale: scatta dal confine tra Lombardia e Trentino il bike tour dell’Oglio. Programma e percorso

sabato, 30 maggio 2015

Passo Tonale – Al via il Bike tour dell’Oglio, la pedalata non competitiva per 50 ciclisti lungo la Ciclovia del Fiume Oglio: 280 chilometri in quattro giorni, alla scoperta delle ciclabili tra Valle Camonica, Lago di Iseo e Parchi dell’Oglio.

Le Comunità Montane del Sebino Bresciano e Valle Camonica-Parco Adamello, i Parchi Oglio Nord, Oglio Sud e FIAB organizzano, con il patrocinio di Regione Lombardia, Provincia di Brescia e Provincia di Mantova, l’edizione 2015 del Bike Tour dell’Oglio.

Nelle quattro giornate – da oggi al 2 giugno, ciclisti con mountain bike tra amatori, appassionati e non necessariamente professionisti, percorreranno 280 chilometri attraversando le Province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova (Nella foto la partenza dell’edizione 2014).

IL PERCORSOTonale bike Tour 10

Sarà effettuato in quattro giornate il percorso: lo start sarà al Passo del Tonale e la prima sera, quella odierna, sosta a Darfo Boario Terme.

Domani, costeggiando il Sebino, i ciclisti potranno effettuare il giro di Monte Isola e procedere fino ad Iseo, nella cornice del Festival dei Laghi, dove sosteranno la seconda notte. Il terzo giorno entrando nel Parco Oglio Nord fermeranno a Quinzano ed il 2 giugno, l’ultimo sforzo per giungere a San Matteo delle Chiaviche di Viadana (Mantova) presso il Ponte di Barche. E’ previsto l’incontro a Corte Motta, Macaria, con il gruppo che percorrerà, contemporaneamente la ciclabile VENTO (Venezia-Torino), progettata dal Politecnico di Milano.

La Ciclovia del Fiume Oglio è un percorso ciclabile unitario di valenza sovra regionale che valorizza i territori attraversati dal Passo del Tonale al Fiume Po. La Ciclovia è simbolo della volontà dei quattro territori di generare un percorso turistico accattivante, omogeneo, che non compete con altre vie turistiche affini; in realtà desidera lo sviluppo di una rete per turismo a due ruote, sentendosi anello di congiunzione, per esempio, tra le vie ciclabili svizzere e quelle del lago di Garda.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136