QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Passo Tonale: neve su Alpi centrali e Adamello. Confermato il rischio valanghe

sabato, 5 marzo 2016

Ponte di Legno – Il rischio valanghe sale a “Forte” sulle montagne dell’Adamello, Alpi e Prealpi. Il Centro funzionale monitoraggio rischi naturali della Regione Lombardia, la cui attività è coordinata dall’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, ha emesso un avviso di conferma della moderata criticità per rischio neve.

fuoripista Tonale

L’allerta riguarda le zone omogenee: Alpi Orientali-Alta Valtellina (provincia di Sondrio e quota superamento soglia 900 metri); Alpi Occidentali-Valtellina e Valchiavenna (provincia Sondrio e quota 800 metri); Prealpi Occidentali. Prealpi Centrali (provincia di Bergamo con quota 1000 metri) e Prealpi Orientali (provincia di Brescia con quota 1100 metri).

Una depressione nordatlantica sta transitando rapidamente sul Nord Italia apportando una marcata fase di maltempo nella giornata di oggi e mantenendo condizioni di variabilità a tratti perturbata anche nei giorni successivi.

I primi fenomeni si sono registrati a partire dalla serata di ieri dai settori occidentali. Nella notte estensione delle precipitazioni sui settori alpini ed intensificazione dei fenomeni sui settori occidentali. Limite neve a 300/500 metri sui settori di nord ovest, 400/700 metri sui restanti settori alpini e prealpini.

Si conferma l’evoluzione prevista nell’avviso emesso ieri. La fase acuta si avrà nelle prossime ore sui settori occidentali mentre nel pomeriggio i fenomeni più intensi tenderanno a muoversi verso i settori orientali. In serata cessazione delle precipitazioni. Domani e lunedì 7 marzo ancora possibilità di fenomeni, ma poco rilevanti.

LE CRITICITA’
Le situazioni di criticità per rischio neve potrebbero essere legate soprattutto a difficoltà, rallentamenti e blocchi del traffico stradale e ferroviario, a caduta di rami o piante, a possibili interruzioni della fornitura di energia elettrica e delle linee telefoniche, in particolare alle quote segnalate dove gli accumuli nella giornata odierna potrebbero essere rilevanti. Si suggerisce pertanto ai Presidi territoriali, alla Polizia Stradale e a tutte le altre Forze operanti sul territorio, la necessità di predisporre un’attenta sorveglianza del traffico.

IL METEO
Una veloce perturbazione di origine atlantica sta interessando la nostra regione determinando condizioni di tempo perturbato con precipitazioni anche di forte intensità. 

Per la giornata odierna si prevede cielo coperto con  precipitazioni da moderate a forti, piu’ intense nelle ore centrali della giornata. Previsti al di sopra dei 1300 metri di quota da 30-50 cm in Alta Valtellina fino a 70-100 centimetri sui restanti settori. Limite della neve intorno a 600 m in rialzo in
giornata. Attenuazione dei venti in serata.

INDICAZIONI OPERATIVE

La nuova neve e i recenti lastroni, non ancora del tutto trasformati, determineranno uno scarso consolidamento generale del manto nevoso. Su molti pendii ci saranno probabili scaricamenti e valanghe di piccole e medie dimensioni a tutte le esposizioni, a debole o media coesione e anche a lastroni. In singoli casi, lungo i percorsi abituali anche di grandi dimensioni. Il distacco sara’ probabile con debole sovraccarico su molti pendii ripidi.

Pertanto, si suggerisce alle Amministrazioni Locali di: valutare l’eventuale necessita’ di chiusura o divieto di transito delle strade di competenza ad elevato rischio valanghe; informare la popolazione residente e quella transitante del possibile rischio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136